mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Pensioni aprile 2020, cambia il...

Pensioni aprile 2020, cambia il calendario di pagamento alle Poste

L'accredito è in anticipo per i titolari di libretti e conti delle Poste, ma viene privilegiato il ritiro con le carte elettroniche. Per chi non potrà fare a meno dello sportello, il pagamento sarà scaglionato

-

L’effetto coronavirus si fa sentite anche sulle pensioni, dall’assegno di aprile 2020 cambia il calendario di pagamento per i titolari di conti e libretti delle Poste e anche la modalità di ritiro, per evitare code e affollamenti proprio nel momento dell’emergenza sanitaria per il coronavirus. Le mensilità di aprile, maggio e giugno 2020 arriveranno in anticipo: chi ritirerà con le carte elettroniche direttamente ai Postamat potrà farlo già dal primo giorno dell’accredito dell’assegno pensionistico, chi invece non vorrà rinunciare al classico sportello e ai contanti sarà scaglionato su diversi giorni in base all’iniziale del proprio cognome, in ordine alfabetico, proprio per evitare assembramenti di persone. L’invito quindi è quello di scegliere la modalità elettronica.

Chi ritira la pensione con la carta

Le pensioni di aprile saranno accreditate il 26 marzo (quelle dei mesi successivi il 27 aprile e il 26 maggio) e i titolari di libretti di risparmio o di conto Bancoposta dotati di carta elettronica oppure gli utenti in possesso di una Postepay Evolution potranno ritirare il denaro direttamente agli sportelli automatici all’esterno degli uffici, lo stesso giorno del pagamento.

Pagamento delle pensioni di aprile in contanti: i giorni e il calendario

Il prelievo tramite “bancomat” delle Poste quindi è fortemente consigliato, anche per evitare affollamenti di anziani (e quindi le persone più a rischio) con l’avvicinarsi del pico del coronavirus. Per chi non è in possesso delle carte elettroniche, il pagamento in contanti delle pensioni sarà scaglionato su sei giornate, dal 26 marzo al primo aprile in base all’iniziale del proprio cognome. E quindi ecco “l’alfabeto” del pagamento delle pensioni di aprile 2020:

  • giovedì 26 marzo cognomi dalla A alla B
  • venerdì 27 marzo cognomi dalla C alla D
  • sabato 28 marzo (solo la mattina) cognomi dalla E alla K
  • lunedì 30 marzo cognomi dalla L alla O
  • martedì 31 marzo cognomi dalla P alla R
  • mercoledì 1 aprile cognomi dalle S alla Z

Per le 2 successive mensilità, le modalità di pagamento delle pensioni agli sportelli di Poste Italiane saranno le stesse, in base a questo calendario:

  • Pensioni di maggio – pagamento scaglionato dal 27 al 30 aprile  2020
  • Pensioni di giugno – pagamento scaglionato dal 26 al 30 maggio 2020

Più informazioni sul sito di Poste Italiane.

“Anziani, non andate allo sportello delle Poste”

Resta l’invito di evitare di andare negli uffici postali, se non per operazioni essenziali e indifferibili, usando il più possibile gli sportelli automatici e i servizi online e le app delle Poste che permettono anche di pagare le bollette. Se non se ne può fare a meno, per accedere agli uffici bisogna rispettare delle regole: quando possibile indossare dispositivi di protezione personale come una mascherina, entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti, tenere la distanza di almeno un metro dalle altre persone anche quando si è in fila all’esterno.

Ultime notizie

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone