lunedì, 25 Maggio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Pasqua e Pasquetta: in Toscana...

Pasqua e Pasquetta: in Toscana chiusi supermercati e negozi

Il governatore Rossi decide una stretta per il weekend pasquale. Tutti chiusi per 2 giorni, ad eccezione di 3 tipologie di attività

-

Chiuso per coronavirus. Per la domenica di Pasqua e il lunedì di Pasquetta, in tutta la Toscana, supermercati e negozi dovranno stare chiusi, potranno rimanere aperti solo degli specifici esercizi come farmacie ed edicole: lo stabilisce un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Enrico Rossi che si aggiunge alle limitazioni già in vigore a livello nazionale per l’emergenza coronavirus.

La decisione è stata presa per limitare gli spostamenti dei cittadini durante il weekend pasquale, momento in cui l’attenzione delle forze dell’ordine è massima anche per intercettare eventuali “furbetti” diretti alle seconde case al mare.

Negozi e supermercati chiusi in Toscana a Pasqua e Pasquetta

Stop quindi ai supermarket e tutti gli altri negozi della piccola, media e grande distribuzione domenica 12 e lunedì 13 aprile, da Firenze a Pisa, da Lucca a Grosseto fino alle altre province toscane. Gli esercizi commerciali che non rispetteranno l’ordinanza di chiusura  rischiano la sospensione del’attività dell’attività da 3 a 15 giorni consecutivi. Sull’osservanza di queste regole vigileranno polizia municipale, polizia, carabinieri e le altre forze dell’ordine.

Le deroghe: i negozi che possono stare aperti a Pasqua e Pasquetta

Ci sono solo poche eccezioni. Questa stretta non riguarderà solo tre categorie di negozi, che potranno restare aperti sia a Pasqua, sia il lunedì dell’Angelo. Sono le farmacie, le parafarmacie e le edicole per la rivendita dei giornali. Salva poi la consegna a domicilio dei generi alimentari e dei beni di prima necessità: i negozi potranno ricevere ordinazioni solo via telefono o online (e non presso l’esercizio commerciale) e consegnare direttamente a casa la merce, rispettando come sempre le norme di sicurezza per la prevenzione del coronavirus.

Coronavirus, la Toscana studia la fase 2 per la riapertura graduale

Anche il sindaco di Firenze Dario Nardella si è schierato a favore della chiusura dei supermercati durante le feste pasquali, invitando però i cittadini a non prendere d’assalto i negozi della grande distribuzione negli altri momenti. Nei giorni prima di Pasqua, a Firenze è stato registrato “una quantità consistente di traffico, non è giustificabile un incremento di 2.000 veicoli in un solo giorno”, ha detto il primo cittadino.

I sindacati: supermercati e negozi chiusi non solo a Pasqua, ma anche per le altre feste

La decisione della Regione è stata accolta positivamente dai sindacati. La Filcams Cgil Toscana parla di “scelta saggia e apprezzabile”, ma chiede un’ordinanza analoga anche per tenere chiusi i supermercati e i negozi sabato 25 aprile venerdì 1° maggio. Una richiesta “per dare ristoro ai lavoratori – si legge in una nota – per ridurre il rischio di maggiori quantità di gente in giro e per poter celebrare degnamente, seppur in modalità virtuali vista l’emergenza Covid19, due feste importanti e significative come la Liberazione e la festa dei lavoratori”.  La Filcams chiede poi che i lavoratori dei supermercati siano sottoposti periodicamente a test sul coronavirus.

Ultime notizie

Frecce Tricolori, il programma e gli orari del passaggio nei cieli di tutta Italia

Uno spettacolo di colori nei cieli di tutta Italia. In vista della festa della Repubblica la Pattuglia acrobatica nazionale sorvolerà le principali città italiane. Il calendario e tutti i dettagli

Nardella: “Riapriamo la scuola, almeno l’ultimo giorno”

La proposta del sindaco di Firenze: almeno una giornata per rincontrare compagni di classe e professori

Bonus colf, badanti e lavoratori domestici: via alla domanda sul sito Inps

Aperta sul sito Inps la procedura per fare domanda: un bonus da 500 euro per due mesi per colf, badanti e lavoratori domestici, i requisiti

Spostamenti tra regioni dal 3 giugno: apertura a rischio?

Cosa cambia per i viaggi interregionali con il nuovo decreto sulla fase 2 e quanto influirà il monitoraggio del livello di rischio