venerdì, 5 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Passi avanti per il nuovo...

Passi avanti per il nuovo Palagiustizia

Si stanno compiendo passi da giganti in vista dell'entrata in funzione del nuovo Palazzo di Giustizia. Ieri la giunta comunale, su proposta dell’assessore alle manutenzioni Mattei, ha approvato il progetto definitivo degli arredi fissi necessari per le aule e ha siglato la convenzione con la Procura generale di Firenze per la realizzazione del sistema di sicurezza.

-

 

Si stanno compiendo passi da giganti in vista dell’entrata in funzione del nuovo Palazzo di Giustizia. Ieri la giunta comunale, su proposta dell’assessore alle manutenzioni Mattei, ha approvato il progetto definitivo degli arredi fissi necessari per le aule e ha siglato la convenzione con la Procura generale di Firenze per la realizzazione del sistema di sicurezza.
 

I NUMERI. Completare il nuovo Palagiustizia costerà circa sei milioni di euro, un milione di essi servirà per dotare la struttura degli arredi fissi necessari ed i restanti cinque saranno impiegati per realizzare il sistema di sicurezza  che vedrà anche la partecipazione del Comune in veste di “assistente”.

SICUREZZA. In concreto, grazie all’accordo preso con la Procura generale di Firenze, l’amministrazione comunale svolgerà attività di assistenza e supporto durante l’esecuzione dei lavori del sistema di sicurezza il quale comprende la sorveglianza, la videosorveglianza, il controllo degli accessi e l’antintrusione del palazzo.

AREE DA ARREDARE. Per quanto riguarda gli arredi, invece, una volta terminata la struttura esterna è necessario dotare le varie aule del palazzo degli arredi fissi, comprese le targhe con la scritta “La legge è uguale per tutti”, che andranno a costituire parte integrante delle finiture delle aule stesse. Le aree da arredare sono la maxi aula, le aule d’assise e le piccole aule di udienza penali e civili; lo spazio sarà articolato in tre luoghi diversi, ovvero ci sarà la parte destinata al pubblico delimitata dalle transenne, quella destinata agli avvocati e alle parti in causa e quella destinata all’emiciclo del giudici.

ARREDI. Nel particolare, l’area dedicata al pubblico sarà arredata con panche in metallo microforato di colore antracite, mentre la transenna che separa questo spazio da quello destinato agli avvocati sarà realizzata in acciaio. Per quanto riguarda l’area degli avvocati, è previsto un piano in legno su una struttura in acciaio ed, infine, l’emiciclo dei giudici che sarà collocato al centro prospettico dell’aula, si fonderà in un unico elemento con la pedana.

MATTEI. L’assessore Mattei ha osservato che l’approvazione di queste delibere rappresentano un passo importante in vista dell’entrata in funzione del Palazzo di Giustizia e che l’allestimento del nuovo luogo dedicato agli uffici giudiziari è in dirittura di arrivo.

LE PAROLE. “Un risultato importante raggiunto anche grazie all’interessamento diretto del sindaco Renzi che su questo tema ha incontrato più volte il ministro Angelino Alfano”, ha concluso Mattei.

Ultime notizie

Il Reporter marzo 2021

L'atterraggio di Perseverance su Marte ci regala un certo gusto della rivincita, un invito a spostare un po’ più avanti la frontiera della fiducia nel futuro

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole per capire cosa si può fare e cosa no

Dove, come e quando fare il vaccino anti-Covid in Toscana

La prenotazione e il calendario, l'efficacia e gli effetti collaterali: tutto quello che c'è da sapere prima di fare il vaccino anti-Covid in Toscana. La nostra guida: dove, quando e come

Cosa cambia in Toscana con il nuovo Dpcm Draghi (marzo 2021)

Scuole, bar, centri commerciali e parrucchieri: cosa prevede il nuovo Dpcm di Draghi in vigore dal 6 marzo 2021 e cosa cambia in Toscana