Il progetto mira a favorire l’acquisizione della patente di guida B da parte di alcune donne, soprattutto madri straniere ed extracomunitarie,25 donne straniere. “E’ la prima esperienza del genere in Italia – spiega il presidente della Provincia di Firenze Matteo Renzi – Credo che sulla questione sicurezza debba vincere la serietà, non la demagogia. Non si va da nessuna parte se si pensa di perseguire l’immigrato perché è immigrato. Ci vogliono segnali concreti. Nello specifico, per promuovere il reinserimento delle donne nel mondo del lavoro e favorire la partecipazione femminile straniera ed extracomunitaria al mercato del lavoro è essenziale costruire percorsi di solidarietà e opportunità e quello di ‘Fate’ va proprio in questa direzione”.

Non esistono modelli unici di intervento, ma approcci diversi, differenziati in funzione di caratteristiche specifiche dell’utenza del territorio e di continui mutamenti sociali. Per questo, avverte Maria Zipoli, presidente dell’associazione Fate, “si è creduto necessario elaborare una specifica azione di sostegno all’occupabilità femminile di donne straniere ed extracomunitarie svantaggiate, penalizzate nell’inserimento dei posti di lavoro perché senza licenza di guida”. E’ nato così il progetto “Donne al Volante”, che mira all’acquisizione della patente di guida B per alcune donne, soprattutto madri straniere ed extracomunitarie, individuate preventivamente, al fine di favorirne l’occupabilità.

Molte donne, straniere ed extracomunitarie, presenti in Italia, magari da tantissimi anni, lavoratrici e cittadine a tutti gli effetti, sono ancora a forte rischio d’esclusione sociale o in fase di reinserimento lavorativo e la mancanza della patente di guida costituisce un impedimento all’accesso di un’occupazione più dignitosa e stabile. Il progetto “Donne al Volante “ sostenuto dalla Provincia di Firenze, costituirà un percorso sperimentale in grado di offrire una risposta alla questione dell’immigrazione femminile, mirando ad individuare e a rimuovere le condizioni di marginalità sociale offrendo al contempo strumenti che possano favorire l’integrazione sociale delle destinatarie del progetto. Il progetto quindi si propone, tra le sue finalità, lo sviluppo delle pari opportunità nell’inserimento lavorativo, l’adeguamento delle competenze professionali dei lavoratori e l’attuazione dei principi di integrazione e di inclusione sociale.

In pratica, l’accordo con le autoscuole locali permetterà da oggi, a 25 donne prescelte tra le iscritte, di avviare le procedure per la richiesta di rilascio della patente di guida di tipo B, usufruire della formazione teorica e pratica fornita dalle autoscuole convenzionate e sostenere gli specifici esami previsti per il conseguimento della patente in modo completamente gratuito.

Orario Sportello Donne al Volante per informazioni e iscrizioni:

F.A.T.E, Via San Gallo 133r Firenze
dal Lunedì al Venerdì orario 9,00-17,00
oppure chiamare il numero 327 0004062
www.associazionefate.org