giovedì, 1 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Pensionato coltiva cannabis

Pensionato coltiva cannabis

Denunciato un sessantacinquenne lucchese per coltivazione di stupefacenti

-

Arzillo pensionato coltivava cannabis in casa. Un sessantacinquenne di Lucca e’ stato denunciato dalla polizia perche’ coltivava marjuana nella propria abitazione.

L’indagine e’ partita da una segnalazione arrivata alla Squadra mobile lucchese: da alcune foto fatte nei giorni scorsi, gli investigatori hanno verificato che le piante, che si intravedevano rigogliose dalle finestre della casa colonica, erano effettivamente piante di cannabis.

Giovedì mattina, all’alba, gli agenti della Mobile si sono presentati alla porta dell’uomo e, entrando in casa, sono stati investiti da un forte odore che pervadeva ogni stanza: l’uomo, infatti, aveva disposto i vasi di 21 piante di cannabis in cucina in camera da letto, in salotto e in giardino.

Non solo coltivava le piante, ma ne essiccava foglie e infiorescenze sotto una speciale lampada. L’uomo si e’ mostrato sorpreso e non ha potuto che ammettere i fatti, specificando, pero’, di non aver ceduto piante o droga a terzi.

Per il pensionato e’ scattata la denuncia per coltivazione di stupefacenti, mentre le piante – 31 tra fresche ed essiccate – sono state sequestrate e, dopo le analisi per stabilirne il principio attivo, verranno distrutte.

Ultime notizie

Test antigenico e tampone rapido Covid, come funzionano e come si fanno

Dopo porti e aeroporti è in arrivo anche a scuola, ma cos'è, come viene fatto e come funziona il test rapido antigenico per il Covid

Vaccino antinfluenzale 2020-2021 in Toscana: quando e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Concorso straordinario scuola 2020: il calendario delle prove, tutte le date

Quando si terranno i test per i docenti precari delle scuole medie e superiori

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze