venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Peretola: cinque possibili soluzioni

Peretola: cinque possibili soluzioni

Sono cinque le soluzioni individuate da AdF e presentate alla commissione Territorio e Ambiente del Consiglio regionale della Toscana per la nuova pista dellìaeroporto di Peretola.

-

Le soluzioni proposte, che partono da presupposti di fattibilità, sviluppo, contenimento dell’impatto acustico e ambientale , sono: pista orientata di qualche grado verso Sesto Fiorentino con un prolungamento di 120 metri; obliqua rispetto all’attuale e lunga 1.950 metri; divergente e inclinata a destra rispetto all’autostrada; parallela alla A11 e con una lunghgezza utilizzabile di 2mila metri; con inclinazione che consente la massima distanza dal polo scientifico.

“Siamo ad un giro di boa importante. Per la prima volta abbiamo sul tavolo ipotesi concrete dalle quali partire per il rilancio di Peretola e per un sistema toscano votato alla cura dell’ambiente, al rispetto delle norme di sicurezza e di salvaguardia della salute dei cittadini”. Così il presidente della commissione D’Angelis che si è detto “molto soddisfatto delle analisi illustrate da Legnaioli”. Analisi sulle quali sia il presidente di AdF che i consiglieri regionali hanno espresso una sorta di “preferenza” per una pista allungata fino a 2 mila metri, parallela al polo scientifico. “Una soluzione – ha detto- che non presenta criticità in termini di impatto ambientale e acustico (non si sorvolano aree urbane ), ed è migliorativa rispetto all’attuale anche per voli a medio raggio”.

Soddisfatto del documento di Legnaioli, anche l’assessore ai Trasporti Riccardo Conti, per il quale, il messaggio importante da dare è che si farà una Vas ( valutazione ambientale strategica ) e verrà avviato un processo di partecipazione che consideriamo “necessario. La regione deve mantenere il ruolo di promozione e coordinamento per avviare quel processo di valutazione delle ipotesi migliori per tutta l’area”.

Notizia precedenteCrisi e futuro, ecco ManiFutura
Notizia successivaDebacle Rari girl

Ultime notizie

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale

Coprifuoco anche a Natale e Capodanno: nuovo Dpcm, orario più lungo

Coprifuoco alle 22 anche durante le feste, comprese le notti di Natale, vigilia e Capodanno. Il nuovo decreto non salva né il cenone della vigilia né il veglione di San Silvestro

Spostamenti tra comuni, nuovo Dpcm di Natale: regole dopo il 4 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza

Nuovo Dpcm di dicembre in Gazzetta Ufficiale: quando esce il testo (pdf)

Il governo è al lavoro sulle misure per le prossime feste natalizie. In arrivo il testo definitivo