La riunione di ieri pomeriggio, che ha visto i segretari del Pd Giacomo Billi, Andrea Barducci e Andrea Manciulli, assieme al sindaco di Firenze Leonardo Domenici e al presidente della Regione Claudio Martini incontrare il segretario nazionale del Partito Democratico Walter Veltroni, accompagnato dal vicesegratrio Dario Franceschini, dal responsabile enti locali Paolo Fontanelli e dal responsabile dipartimento organizzazione Giuseppe Fiorini, è stata dunque caratterizzata da “analisi largamente condivise”.

Ricordata l’importanza e il valore politico delle primarie, come innovativo strumento di selezione delle candidature, è stata sottolineata anche la necessità di porre un’attenzione particolare a tutti gli aspetti connessi all’organizzazione ed allo svolgimento delle medesime, che si terranno il prossimo 1° febbraio. Per questo motivo sarà presto varato, con particolare attenzione, un codice di autoregolamentazione, che sarà presentato a tutti gli aspiranti partecipanti alle primarie (che solo dopo il 15 novembre potranno raccogliere le firme necessarie a candidarsi) che prevederà regole e limiti per disciplinare il tetto di spesa, il finanziamento della campagna e le modalità di comunicazione: con l’obiettivo di garantire primarie trasparenti che favoriscano ed incentivino il rapporto diretto con i cittadini.

Nel mese di ottobre si svolgeranno le assemblee programmatiche che si concluderanno con l’assemblea programmatica regionale del 7-8 novembre: alla conclusione di questo percorso sarà definita la cornice programmatica che dovrà essere condivisa e sottoscritta da tutti i candidati. Da tutti i livelli del partito inoltre, saranno prese tutte le iniziative necessarie affinché le primarie si svolgano con lo spirito più unitario possibile.