domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Renzi a NY 'presenta' Galileo

Renzi a NY ‘presenta’ Galileo

Nell'ambito del suo viaggio istituzionale negli States il preidente della provincia di Firenze Matteo Renzi ha presentato l'esposizione di Palazzo Strozzi "Galileo.Immagini dell'universo dall'antichità al telescopio".

-

L’esposizione ricostruisce la storia del cosmo così come è stato concepito e raffigurato dall’antichità fino alla rivoluzione scientifica, nel contesto delle vicende sociali e culturali che hanno caratterizzato la civiltà mediterranea ed europea.

Una sezione speciale della mostra è riservata all’unico cannocchiale originale di Galileo giunto fino a noi (conservato nel Museo di Storia della Scienza di Firenze).

L’iniziativa, organizzata in collaborazione con il Direttore dell’Enit  Riccardo Strano “serve- ha detto Renzi- a promuovere il territorio fiorentino  che, nonostante la crisi, continua a mantenere un grande appeal per il turismo americano”.

La mostra, curata da Paolo Galluzzi Direttore dell’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, resterà aperta fino al 30 agosto 2009.

L’occasione, cui ha preso parte anche il presidente dell’Apt Antonio Preiti, è stata anche uno spunto per parlare di nuove opportunità turistiche e futuri progetti di collaborazione che coinvolgeranno Italia e Stati Uniti.

Nel quadro delle iniziative varate in occasione della mostra dedicata a Galileo è stato, inoltre, raggiunto un importante accordo di co-marketing tra l’Alitalia, l’Agenzia del Turismo, la Provincia di Firenze e la Fondazione Palazzo Strozzi.

Ultime notizie

La Fiorentina sorride. Battuto il Toro

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: tutti i dati sull’affluenza

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano