Il Comune ha restituito alla città e ai visitatori il museo nella disposizione voluta da Bardini, dopo un lavoro filologico durato 10 anni.