venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRicerca scientifica. La cecità rallenta...

Ricerca scientifica. La cecità rallenta grazie ad un nuovo farmaco

Una ricerca in collaborazione tra l'Università di Pisa e l'Università di Milano, scopre un farmaco capace di rallentare la retinite pigmentosa, malattia ereditaria che porta alla cecità.

-

Una ricerca in collaborazione tra l’Università di Pisa e l’Università di Milano, scopre un farmaco capace di rallentare la retinite pigmentosa, malattia ereditaria che porta alla cecità.
 

LA SCOPERTA. La scoperta di un trattamento farmacologico che rallenta la degenerazione della retina e che, quindi, porta più lentamente alla cecità, è stata possibile grazie alla collaborazione tra le Università di Pisa e Milano e al supporto del CNR di Pisa.

GRUPPO DI RICERCA. In particolare, lo studio e’ stato realizzato dal gruppo diretto dalla professoressa Maria Claudia Gargini del dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologie dell’Università di Pisa, dalla dottoressa Enrica Strettoi dell’istituto di Neuroscienze del CNR di Pisa e dal professor Riccardo Ghidoni dell’Università di Milano. Molti anche i collaboratori quali l’ingegner Paolo Gasco della Nanovector di Torino, la dottoressa Ilaria Piano del dottorato di ricerca in Scienze del farmaco e delle sostanze bioattive della facoltà di Farmacia di Pisa, la dottoressa Elena Novelli della Fondazione Bietti e la dottoressa Giusy Sala dell’Università di Milano.

IL FARMACO E LA SOMMINISTRAZIONE. La ricerca, che per il momento ha dato risultati positivi anche se testata sui topolini e non sugli esseri umani, è profondamente innovativa sia dal punto di vista del farmaco impiegato, sia dal punto di vista del metodo di somministrazione. Quest’ultimo infatti prevede che il farmaco sia somministrato attraverso una procedura non invasiva composta da gocce oculari e quindi sotto forma di collirio. Il farmaco in sé, invece, è formato da una molecola che si chiama myriocin, che inibisce la morte cellulare rallentando la degenerazione della retina e permettendo, così, di rallentare il processo che porta alla cecità.

PUBBLICAZIONI. I recenti risultati raggiunti dalla ricerca scientifica in questo campo sono stati anche pubblicati sulla rivista americana Proceedings of national academy of sciences.

 

Ultime notizie