venerdì, 26 Novembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRoberta Ragusa, si lavora per...

Roberta Ragusa, si lavora per la manifestazione. ”Non dimenticatela”

In vista dei cinque mesi dal giorno della scomparsa della donna, alcune amiche hanno organizzato una manifestazione per le vie di Gello. Invitati anche i parenti di Roberta. La paura dei conoscenti è che questo rimanga un caso irrisolto.

-

Gello lavora per preparare la manifestazione che si terrà il prossimo 13 giugno, in occasione dei cinque mesi dalla scomparsa di Roberta ragusa.

LA MANIFESTAZIONE. L’annuncio della manifestazione, organizzata da Cinzia Guidi, amica e vicina di casa di Roberta, era stato dato qualche giorno fa. L’iniziativa si terrà per le vie di Gello. Il ritrovo è previsto intorno alle 21.15/21.30 del 13 giugno al parcheggio della parrocchia del paese. Il corteo percorrerà via Matteotti per poi entrare in via Ulisse Dini, fino a raggiungere l’abitazione della donna scomparsa.

AL LAVORO. E ora si lavora perché questa manifestazione (che ”non sarà una fiaccolata, ma una manifestazione per far sentire la partecipazione delle persone e il nostro desiderio di ottenere una volta per tutte, la verità”, aveva spiegatoCinzia Guidi) possa raggiungere gli obiettivi sperati: ovvero quello di tenere alto il cado della donna scomparsa da casa ormai quasi 5 mesi fa e di cui da allora non si hanno più notizie, tra piste finite nel vuoto e avvistamenti non confermati.

“NON DIMENTICATELA”. La paura più grande – ripetono le amiche e i conoscenti di Roberta ragusa – è che anche questo caso rimanga senza soluzione, e venga pian piano dimenticato da televisioni e giornali, finendo così nel dimenticatoio senza che si riesca a capire che fine abbia fatto la donna. Ed è proprio questo che vogliono evitare, ed è proprio per questo che è nata l’ide adella manifestazione.

“TUTTI POSSONO PARTECIPARE”. ”Tutti possono partecipare, nessuno escluso. Più siamo meglio è. Chi vorrà, potrà portare striscioni, cartelloni e manifesti. Dobbiamo far sentire la nostra voce. Il caso di Roberta non deve essere archiviato senza una soluzione”, aveva confermato l’amica di Roberta.

ADESIONI. Alla manifestazione del prossimo 13 giugno sono stati invitati anche i parenti di Roberta, anche se ancora non si sa se parteciperanno o meno. Le adesioni, comunque, sembrano non mancare: tra pochi giorni il piccolo paese toscano si riempirà di persone che vogliono sapere cosa ne sia stato della “loro” Roberta.

L’annuncio: Roberta Ragusa, una manifestazione per i cinque mesi dalla scomparsaLe amiche chiedono la verità

Ultime notizie