venerdì, 26 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Rossi fa il punto sulla...

Rossi fa il punto sulla sanità: “Nessun buco, 2010 in pareggio”

"Anche il bilancio 2010 si chiuderà in pareggio, come ormai da 10 anni a questa parte": il governatore Enrico Rossi fa il punto della situazione dopo aver incontrato i direttori generali delle Asl toscane. "Risultato raggiunto senza introdurre ticket o tasse aggiuntive".

-

Sanità, il governatore toscano Enrico Rossi fa i conti.

LA VERIFICA. “Stiamo procedendo con il massimo rigore e la massima trasparenza. Oggi abbiamo compiuto insieme ai direttori generali un’ulteriore verifica della situazione e posso ripetere ancora una volta che nella sanità toscana non c’è nessun buco e che il bilancio 2010 si chiuderà in pareggio, come ormai da 10 anni a questa parte”: sono queste le parole del presidente della Regione, che insieme all’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia ha incontrato i direttori generali delle Asl toscane sul tema del bilancio.

TAGLI. Aver raggiunto questo risultato per il 2010 – ha aggiunto Rossi – è particolarmente importante. Di fronte a una pesante riduzione dell’incremento del Fondo sanitario, che per la Toscana si è limitato solo all’1%, rispetto al altre Regioni come la Lombardia e il Veneto che hanno beneficiato di una crescita fino al 3%, il nostro bilancio ha mostrato una tale solidità da superare anche i tagli apportati dal governo nazionale”.

BILANCIO. “Con l’incremento di soli 65 milioni rispetto al 2009 – ha proseguito – il bilancio 2010 si presenterà quindi in pareggio, anche se ovviamente ogni sforzo deve essere fatto per controllare la spesa, come già facciamo mensilmente, e ridurre gli sprechi. Inoltre il fondo di riserva che abbiamo accumulato negli anni precedenti grazie a una buona gestione delle risorse e che non è ancora stato praticamente intaccato, costituisce non solo una garanzia complessiva di solidità ma ci consente di far fronte ad eventuali difficoltà e di intervenire per coprire, una volta accertato nelle sue reali dimensioni, il deficit della Asl di Massa. Chi si ostina a sostenere il contrario o non capisce o non vuol capire”.

NIENTE NUOVI TICKET. “I cittadini toscani possono star sicuri sul buono stato dei conti della sanità, che abbiamo mantenuto senza introdurre ticket o tasse aggiuntive, e sul fatto che Irpef e Irap, in Toscana le più basse d’Italia, continueranno a essere tali”, ha concluso Rossi.

Ultime notizie

Quando riapriranno le palestre nel 2021: il nuovo Dpcm e la riapertura

Il protocollo di sicurezza da seguire quando riapriranno le palestre è pronto, ma anche con il nuovo Dpcm di marzo non ci sarà la riapertura in zona gialla e arancione. A rischio l'ipotesi sulle lezioni individuali

Il colore della Toscana la prossima settimana: zona arancione o rossa?

Osservate speciali Pistoia e Siena. Il colore della Toscana prossima settimana sembra probabile che resti lo stesso, ma per metà marzo si riaffaccia il rischio di passare da zona arancione a rossa

Dati, Covid in Toscana: oggi più di 1.300 contagi. Bollettino del 25 febbraio

La soglia psicologica degli oltre 1.000 contagi giornalieri non veniva superata ormai da due mesi e mezzo. Sopra quota 1.000 anche in ricoveri. Ecco i dati del bollettino Covid della Regione Toscana aggiornato a oggi (25 febbraio)

In quanti in macchina: zona gialla, arancione e rossa, quante persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona gialla, arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid del governo Draghi