venerdì, 19 Agosto 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaRubavano moto su commissione e...

Rubavano moto su commissione e le rivendevano in Ucraina

Adocchiavano la moto, spesso e volentieri un modello esplicitamente richiesto dal compratore, e la caricavano sul furgone. Per poi portarle in Ucraina, nascoste tra alimenti e vettovaglie. Scoperta e sgominata dalla sezione antirapina della mobile fiorentina una banda specializzata i furti di moto di grossa cilindrata che agiva tra Firenze, Bologna, Chiavari e Genova.

-

Pubblicità

Rubavano in Italia moto di grossa cilindrata per poi rivenderle in Ucraina a prezzi compresi tra i 500 e i 1.200 euro l’una. In manette sono finite sei persone, tutte di nazionalità ucraina, sottoposte a fermo, altre due sono ricercate.

IL TERRITORIO DI “CACCIA”. Una ventina i colpi che la banda, di base a Bologna, avrebbe messo a segno tra Firenze, Genova, Chiavari e la stessa Bologna.
Secondo quanto ricostruito dalla polizia, i malviventi agivano su commissione dei compratori ucraini: giravano le città del centro-nord Italia con un furgone finché non adocchiavano la “preda” e la caricavano sul loro veicolo.

Pubblicità

IL “MERCATO”. Sempre di moto di grossa cilindrata si trattava, Ducati, Honda, Kawasaki, mezzi che la banda smontava per fare in modo che prendessero meno posto e poi portava oltre il confine, fino in Ucraina, dove li rivendeva a prezzi “popolari”: da 500 a 1.200 euro a moto.

L’ARRESTO. Finché lo scorso 9 luglio il furgone non è stato intercettato dalla polizia. A bordo sette moto, tra cui un paio sparite dalle strade fiorentine pochi giorni prima. Due uomini e una donna che viaggiavano sul furgone sono finiti subito in manette. Le indagini hanno poi condotto ad altri cinque ucraini. Per tutti è scattato il fermo.

Pubblicità

Ultime notizie