mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaSan Niccolò senz'auto: ''Un mortorio''....

San Niccolò senz’auto: ”Un mortorio”. ”No, una liberazione”

Pedonalizzazione adesso è il turno di San Niccolò, ma i residenti e i commercianti sono sul piede di guerra. IlReporter.it è andato a ''tastare il terreno''.

-

Pubblicità

Pedonalizzazione adesso è il turno di San Niccolò, ma i residenti e i commercianti sono sul piede di guerra.

L’ANNUNCIO. La proposta è arrivata sabato sera alla festa del Pd dall’assessore alla mobilità Massimo Mattei: “Stiamo vagliando l’ipotesi di rafforzare la Ztl, trasformandola in A+ – aveva annunciato – e di operare eventuali nuove pedonalizzazioni in altre zone del centro storico, a partire da San Niccolò”. La reazione dei cittadini non si è fatta attendere.

Pubblicità

LA RISPOSTA DEI RESIDENTI. La proposta di una probabile pedonalizzazione viene accolta con soddisfazione dagli abitanti della zona. ”San Niccolò si è trasformata in una discarica-parcheggio per chi viene da fuori zona e noi residenti non sappiamo più dove mettere l’auto – afferma un passante – con la ztl questo problema si risolverebbe e il quartiere sarebbe più vivibile, anche perché verrebbe ridimensionata la confusione e il rumore notturno che ci impedisce di dormire tranquilli”. Ci sono anche voci fuori dal coro: ”Al momento non ne vedo la necessità – spiega una residente di San Niccolò – preferisco la praticità e la comodità dell’auto. Della pedonalizzazione ne farei sinceramente a meno”.

..E QUELLA DEI COMMERCIANTI. Di tutt’altra opinione sono i proprietari dei negozi e ristoranti dell’area. Una dura critica viene da un barista di un locale proprio nel cuore della zona: ”Non vogliamo nessuna ztl. San Niccolò è un posto tranquillo, non è il centro, non c’è traffico né tanto meno confusione. Con la pedonalizzazione diventerà un mortorio. Anche i pochi clienti che passano di qua per fare colazione o pranzare spariranno e a noi non ci rimarrà che chiudere”.

Pubblicità

RUMORI E BUS. ”E’ una proposta priva di logica – spiega il titolare di una trattoria – il problema dei rumori non riguarda il giorno ma la notte. Durante ore della movida ci sono le catene che impediscono l’accesso alle macchine, tuttavia la confusione rimane visto che nella zona esistono locali notturni molto frequentati”. Infine da più parti arriva l’appello al sindaco Matteo Renzi: prima di pedonalizzare bisognerebbe potenziare il servizio pubblico.

Pubblicità

Ultime notizie