Gonfalone Firenze Quartiere 2
Un'immagine dalla copertina del libro “Il Gonfalone di Firenze e la Famiglia di Palazzo” (Scribo edizioni)

Continua il viaggio del Gonfalone di Firenze e della sua scorta, per celebrare i 115 anni della “bandiera” del Comune. La nuova tappa delle visite istituzionali martedì 29 ottobre tocca Villa Arrivabene, sede del Quartiere 2: dalle ore 17.00 sarà possibile vedere con i propri occhi il celebre simbolo della città, con cui sarà possibile farsi anche un selfie. Per la prima volta il Gonfalone di Firenze è stato ricostruito in tutti i suoi dettagli grazie al giornalista Franco Mariani e pubblicato nel libro “Il Gonfalone di Firenze e la Famiglia di Palazzo” (Scribo edizioni), in vendita anche nel bookshop di Palazzo Vecchio.

Quella di martedì è la quarta tappa del viaggio istituzionale nei cinque Consigli di Quartieri di Firenze, il primo da quando sono stati istituiti negli anni Settanta, nell’ambito delle iniziative promosse dalla Presidenza del Consiglio Comunale in collaborazione con i presidenti dei cinque Quartieri anche per far conoscere a tutti i fiorentini la storia del Gonfalone.

Selfie e storia del Gonfalone di Firenze al Quartiere 2

Durante la serata Franco Mariani, che ha recuperato oltre 3mila foto dall’archivio storico del Comune, curerà un excursus storico sul “simbolo di Firenze” e proietterà foto e video inediti. Ad accompagnare il Gonfalone oltre al presidente del Consiglio Comunale di Firenze Luca Milani, l’assessore al Personale e Quartieri Alessandro Martini e l’assessore alla partecipazione e cittadinanza attiva Alessia Bettini. A fare gli onori di casa il presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi. L’iniziativa è coordinata dall‘associazione Firenze Promuove (infoline 3288785360).

La “scorta” del Gonfalone

Proprio nel Quartiere 2 si trovano le botteghe di due artigiani che hanno collaborato a realizzare vestiti e scarpe della scorta del Gonfalone, la cosiddetta “Famiglia di Palazzo”. La più antica è Calzature Artistiche Sacchi, in via Luisa Sanfelice, che crea calzature teatrali per i maggiori teatri nazionali ed esteri, oltre a quelle del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina. L’altra è più giovane ed è la Sartoria Madame Flo di Vittoria Valzania che da 7 anni lavora sui costumi del Calcio Storico Fiorentino.