In 17 esercizi commerciali e 5 erboristerie di Prato sono stati sequestrati confezioni di pasta, biscotti, carne e pesce che non riportavano l’indicazione del prezzo, né quella della scadenza o la traduzione della loro composizione. Altri poi erano già scaduti, mal surgelati o conservati, o contenenti melamina.

La melamina è stata spesso usata nel cibo per gli animali nei paesi meno soggetti a controlli, al fine di simulare un maggiore presenza di proteine, ma è una sostanza estremamente dannosa anche per cani, gatti, mucche e quant’altro e può addirittura contaminare anche i derivati, come latte e uova.

Nelle erboristerie invece i militari hanno trovato e sequestrato più di 300 confezioni di prodotti della medicina tradizionale cinese che contengono frammenti di specie rare, che la Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione ha messo sotto tutela.