mercoledì, 7 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Sesto: "Ci sentiamo soli"

Sesto: “Ci sentiamo soli”

Intervista al sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi sui problemi attuali del suo comune

-

 

Siamo a Sesto Fiorentino, una realtà dove il benessere non manca di certo, una città con una storia di volontariato e impegno civile, una delle roccaforti più solide della sinistra toscana. Forse anche per questo, le polemiche seguite all’occupazione della Donati e alla richiesta di sgombero avanzata dal Comune sono state così dure.

Sindaco Gianni Gianassi, cosa sta succedendo a Sesto?

“Non credo che ci sia un ‘caso sestese’. Penso che queste occupazioni siano avvenute perché in città ci sono alcuni immobili vuoti e quindi la questione non è cosa succede a Sesto, ma l’assenza delle proprietà delle strutture abbandonate. Questi immobili vanno rapidamente messi in sicurezza oppure inseriti nelle previsioni urbanistiche, altrimenti diventano “appetibili” per chi vuole occupare”.

L’altro tema è che gli occupanti della Donati e del Luzzi sono persone bisognose, immigrati che non hanno un tetto. La sinistra la accusa di non volerli accogliere e in sostanza di razzismo.

“Sesto ha offerto casa e lavoro a 3mila immigrati, nelle nostre scuole il 10 per cento degli alunni sono stranieri, così come il 35 per cento di coloro che sono negli alloggi Erp. L’accusa di razzismo è ridicola. Noi siamo per l’accoglienza, ma nel rispetto delle leggi. Attenzione a non mescolare i bisogni reali di queste persone con il plagio a cui sono sottoposte da parte dei professionisti della solidarietà”.

Il centrodestra invece dice: ecco i risultati delle politiche delle amministrazioni “rosse”. Il centrosinistra non ha qualche responsabilità?

“Il centrodestra dovrebbe ricordare che questa situazione è il risultato della legge Bossi-Fini sull’immigrazione. L’errore dell’Unione è stato non riformarla. Il fenomeno immigrazione è complesso e non si può gestire con gli slogan. Serve il contributo di tutti, dalle istituzioni alle associazioni passando per i sindacati e le associazioni”.

Ma in questa vicenda Sesto non è stata molto aiutata, no?

“Non c’è dubbio, abbiamo vissuto un grande isolamento istituzionale. Nei rapporti tra Comuni vicini, Provincia e Regione, invece, bisognerebbe ispirarsi allo spirito di don Milani: I care. Anzi, we care”.

Ultime notizie

Nuovo Dpcm: per quali paesi c’è il tampone obbligatorio

Olanda, Belgio e Gran Bretagna si aggiungono all'elenco: per quali paesi è obbligatorio il tampone? Nuovo Dpcm e viaggi, cosa cambia

Sedi e ammessi al concorso straordinario della scuola in Toscana

Iniziata la pubblicazione degli elenchi con sedi e candidati ammessi al concorso straordinario della scuola, per gli istituti secondari di primo e secondo grado

Dpcm ottobre, testo del nuovo decreto in Gazzetta ufficiale: quando esce?

Mascherina all'aperto, limiti per feste private e ballo: c'è attesa per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del testo definitivo del nuovo Dpcm di ottobre

Quando si può togliere la mascherina senza rischiare una multa

Mentre si attende il nuovo dpcm, alcune Regioni hanno già stabilito l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto: ma quando si può stare senza? E come comportarsi se si corre e si va in bici?