giovedì, 4 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Sicurezza: contributi regionali

Sicurezza: contributi regionali

contributi regionali per il 2009, destinati ai comuni e alle province toscane, per consolidare e potenziare le loro attività nell'ambito della sicurezza.

-

Un ammontare di 2 milioni e 156 mila euro, quello che il governo regionale ha deciso di destinare a comuni e province nel 2009, per garantire azioni efficaci nell’ambito della sicurezza e rendere le città più sicure e vivibili.

La decisione è stata presa con delibera dalla giunta regionale, su proposta del vicepresidente della Regione Toscana. Le risorse  potranno essere utilizzate non solo per potenziare i servizi di polizia municipale, ma anche per estendere le attività di presidio territoriale e per rinnovare le dotazioni tecniche dei corpi di polizia.

“La sicurezza delle nostre città”, ha spiegato il vicepresidente, “non ha bisogno di demagogia, ma di misure estremamente concrete, sia in termini di prevenzione che di capacità delle forze dell’ordine di essere ben presenti nelle nostre comunità. Ovvero, si fa più per la sicurezza riuscendo a garantire alle polizie mezzi e formazione in misura adeguata piuttosto che invocando le ronde”.

Tra i criteri che verranno utilizzati per assegnare i contributi sarà impiegato un sistema di calcolo che terrà conto della popolazione di ciascun comune e degli indici di delittuosità regionali e provinciali relativi all’anno 2007. I comuni e le province potranno presentare domanda entro e non oltre il prossimo 3 agosto.

Ultime notizie

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole per capire cosa si può fare e cosa no

Dove, come e quando fare il vaccino anti-Covid in Toscana

La prenotazione e il calendario, l'efficacia e gli effetti collaterali: tutto quello che c'è da sapere prima di fare il vaccino anti-Covid in Toscana. La nostra guida: dove, quando e come

Cosa cambia in Toscana con il nuovo Dpcm Draghi (marzo 2021)

Scuole, bar, centri commerciali e parrucchieri: cosa prevede il nuovo Dpcm di Draghi in vigore dal 6 marzo 2021 e cosa cambia in Toscana

Museo della lingua italiana a Firenze: vicina la partenza dei lavori

Nascerà nel complesso di Santa Maria Novella. Firmato l'accordo tra il Comune di Firenze e il Ministero dei Beni e le attività culturali per il primo Museo della lingua italiana