martedì, 7 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaTerremoto ai vertici dei Consorzi

Terremoto ai vertici dei Consorzi

Terremoto ai vertici dei prestigiosi consrozi vinicoli toscani di Montalcino e Montepulciano. Un effetto domino che si sta abbattendo sulle prestigiose denominazioni toscane.

-

All’indomani dell’avviso di garanzia ricevuto dalla procura di Montepulciano, Luca Gattavecchi si è autosospeso dalla carica di presidente del Consorzio fino al termine degli accertamenti presso la sua azienda. La decisione, fa sapere un comunicato dell’ente, è stata assunta in accordo con la giunta dell’associazione dei produttori ed è stata contestualmente comunicata al sindaco di Montepulciano. Assume temporaneamente la carica di presidente il vicario, Federico Carletti, titolare dell’azienda Poliziano.

“In tal modo – si fa sapere dal Consorzio – Luca Gattavecchi potrà affrontare con maggiore autonomia, serenità e disponibilità di tempo l’indagine a cui è sottoposto. Inoltre, fin dall’avvio dell’inchiesta, Gattavecchi ha sottolineato la distinzione tra il suo ruolo di presidente – dunque di rappresentante di tutti i produttori – e quello di imprenditore. Con l’autosospensione il rischio di sovrapposizione tra i due ruoli si annulla completamente”.

A Montalcino, invece, l’effetto Zaia ha provocato le dimissioni del presidente Francesco Marone Cinzano, che ha rassegnato l’incarico al cda del Consorzio. “Il Consiglio – si legge in un comunicato – ha preso atto delle dimissioni irrevocabili dalla carica di presidente e consigliere di Francesco Marone Cinzano che lascia il vertice del Consorzio alla luce della considerazione di aver raggiunto gli obiettivi preposti in questo delicato momento della vita del Consorzio, attraverso il mantenimento dell’unità del Consorzio stesso. Il Consiglio plaude ed esprime la propria condivisione per il celere e puntuale intervento del ministro Zaia, che ha insediato un Comitato di garanzia qualificato con l’obiettivo di perseguire i suddetti obiettivi nell’interesse di tutti i produttori del Consorzio e di mantenimento della notorietà e reputazione del marchio Brunello nel mondo.

“Oltre a ciò, il Consiglio ha deciso di convocarsi a breve, presumibilmente entro la fine della prossima settimana, per la nomina del nuovo presidente. Al momento – come previsto dallo statuto del Consorzio stesso – il vicepresidente vicario, Patrizio Cencioni, ha assunto le deleghe di rappresentanza.
“Infine, il Consorzio comunica che per la giornata di domani e di dopodomani, una delegazione del Consorzio stesso incontrerà i funzionari e tecnici dell’Ente americano TTB in merito alla tutela di garanzia per la distribuzione dell’annata 2003 sui mercati Usa”.

Ultime notizie