sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaTerremoto, due forti scosse avvertite...

Terremoto, due forti scosse avvertite in Toscana

E' successo pochi minuti fa. Il terremoto si sarebbe sentito in molte città italiane. Alcune segnalazioni anche a Firenze.

-

ORE 13. Nuove scosse di terremoto avvertite intorno alle 13 a Firenze e in Toscana.  La scossa, secondo le prime stime si parla di un magnitudo di 5.3 durata una trentina di secondi, si è sentita in molte zone d’Italia.

ORE 9. Si è sentita anche a Firenze la scossa di terremoto di terremoto di questa mattina.

LA SCOSSA. La scossa si è sentita in molte città italiane, soprattutto al Nord, da Bologna a Milano. All’origini del nuovo sisma, potrebbe esserci la rottura di una nuova faglia. Vittime in Emilia.

A FIRENZE. Anche a Firenze si sono avvertite le scosse, questa mattina intorno alle 9. Tante le segnalazioni che cominciano ad arrivare su Twitter. La scossa si è sentita a Rifredi, Scandicci, Firenze Sud, ma anche in centro. I bambini sono rientrati nelle scuole, dopo che questa mattina, alcune, erano state sgomberate per precauzione. Sono state fatte verifiche da parte degli uffici tecnici e non risultano danni. dopo le due forti scosse delle 13, il Palazzo di Giustizia di Firenze è stato fatto evacuare per precauzione Giudici, magistrati, avvocati e cittadini che si trovavano in quel momento sia nelle aule di tribunale che negli uffici della procura, si sono riversati in strada. Già stamani, dopo la prima scossa, alcune persone presenti nel palazzo di giustizia per paura erano scese in strada.

PRATO. La scossa di questa mattina è stata avvertita anche a Prato. Molta paura ma nessun danno in città. Intasati di chiamate i centralini di Protezione Civile e Vigili del Fuoco, ma fortunatamente solo per avere rassicurazioni e non per segnalare danni o chiedere aiuto. La stessa scena vissuta appena 10 giorni fa, quando però l’oscillazione è stata più forte ed avvertita da più persone.  La Protezione civile sta comunque monitorando costantemente la situazione: massima attenzione per le scuole comunali, dove la situazione è sotto controllo, anche se stamani alcuni dirigenti scolastici hanno preferito far uscire le classi all’esterno e solo dopo un primo monitoraggio dello stato delle strutture gli studenti sono stati fatti rientrare. I docenti sono informati sulle procedure corrette da seguire diffuse dalla Protezione civile. Al momento non si segnalano situazioni di criticità. La città di  Prato collabora alla gestione dell’emergenza in coordinamento con la Regione Toscana che, tra i vari compiti assegnati,  è responsabile del campo di accoglienza per la popolazione terremotata allestito a San Possidonio (MO). I volontari ed i tecnici pratesi faranno un aggiornamento della situazione appena possibile. Sul sito web del Comune di Prato www.comune.prato.it e sul link della Protezione civile www.protezionecivile.prato.it/emergenze/ saranno pubblicati tutti gli aggiornamenti in tempo reale e tutte le informazioni utili.

MUGELLO. Il terremoto è stato avvertito anche in Mugello, dove sono state immediatamente evacuate scuole ed edifici comunali. Le verifiche della Sala Operativa provinciale della Protezione Civile non hanno al momento registrato danni a persone o cose nel territorio. La situazione è costantemente monitorata da parte dell’Ufficio Associato di Protezione Civile del Mugello, che ha allertato tutta la macchina volontariato.Alla prima scossa sono seguite repliche di magnitudo superiore a 3 e 4. Dopo le verifiche, per alunni e dipendenti è stato disposto il rientro nelle rispettive sedi.

IN TOSCANA. Il terremoto, in Toscana, si è sentito distintamente soprattutto sulla costa, in Versilia, a Siena, Livorno e a Pisa, dove un ufficio postale sarebbe stato chiuso in via precauzionale.

IN TUTTO IL NORD. La scossa si è sentita in tutto il nord, dalla Liguria al Veneto, in Lomabrdia ed Emilia Romagna ma anche in Trentino e Valle d’Aosta.

EPICENTRO. Alle 09:00 ora italiana è stato registrato un evento sismico di magnitudo 5.8 scala Richter e profondità 9.6 km (fonte Usgs), con epicentro nel Comune di San Felice sul Panaro in provincia di Modena. Il sisma è stato avvertito distintamente anche su tutto il territorio della provincia di Firenze. Le verifiche della Sala Operativa provinciale non hanno al momento registrato danni a persone o cose nel nostro territorio.

SCOSSE DI ASSESTAMENTO. Continuano le scosse di assestamento: ” 4.5 Ml profondità 3.2 km ore 10.25, 4.7 Ml profondità 10.0 km ore 10.27, 4.2 Ml profondità 5.3 km ore 10.40, 4.2 Ml profondità 1.2 km ore 11.30. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Operativa Provinciale non risultano danni a cose e persone. Gli istituti scolastici, in via precauzionale, hanno attivato le procedure di evacuazione degli studenti previste dai piani di emergenza interni. Successivamente gli studenti hanno fatto rientro nelle classi per il normale proseguimento delle lezioni ”, lo ha comunicato lo protezione civile.

In Toscana: Pisa, chiuso il Palazzo della Sapienza

In Emilia: E a San Possidonio gli abitanti cercano rifugio al campo toscano

Ultime notizie