mercoledì, 15 Luglio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Test sierologici sul Covid-19 (gratis),...

Test sierologici sul Covid-19 (gratis), al via le chiamate della Croce Rossa

Parte l'indagine sulla sieroprevalenza, servirà a mappare in tutta Italia la situazione del coronavirus. I volontari della Cri stanno telefonando ai cittadini selezionati dall'Istat

-

Uno studio statistico e scientifico per capire la diffusione del coronavirus in Italia. È partito lo screening nazionale attraverso 150 mila test sierologici, ossia analisi del sangue per controllare se si è stati esposti al virus Covid-19, che interesserà un campione di cittadini selezionato dall’Istat: i volontari della Croce Rossa italiana stanno iniziando a contattare via telefono le persone individuate dall’Istituto nazionale di Statistica.

Il progetto servirà a mappare la diffusione del nuovo coronavirus e in particolare a quantificare il livello di asintomatici, tutte quelle persone che finora hanno contratto l’infezione senza avere i sintomi della malattia ma che hanno sviluppato gli anticorpi. Da questo monitoraggio potranno venire fuori dati importanti per studiare le future misure di contenimento e per approfondimenti scientifici: dalle fasce di età più colpite agli impieghi più a rischio contagio.

Test sierologici della Croce Rossa sul Covid-19

Non sarà possibile quindi richiedere questo test sierologico, ma si potrà rientrare nell’indagine sulla sieroprevalenza solo se selezionati. I 150 mila nominativi sono stati individuati dall’Istat, in base a 6 classi di età, al genere e al lavoro svolto e i cittadini saranno ora contattati sul telefono cellulare dai volontari della Croce Rossa Italia, 7mila quelli coinvolti tra il call center e gli ambulatori. Dopo essere stati sottoposti a un questionario, curato da Istat e dal Comitato tecnico scientifico, verrà fissato il prelievo del sangue in uno dei laboratori selezionati del territorio o a domicilio nel caso di soggetti fragili. Secondo le prime stime le analisi dovrebbero concludersi nel giro di due settimane.

Test sierologico per il coronavirus: è gratis o a pagamento? È obbligatorio?

I test sierologici disposti a livello nazionale per questa indagine epidemiologica sono gratuiti, totalmente a carico del servizio sanitario nazionale, e non c’è l’obbligo di sottoporsi all’esame: “Partecipare non è obbligatorio – spiega la Croce Rossa sul proprio sito – ma conoscere la situazione epidemiologica  nel nostro Paese serve a ognuno di noi.

A ogni cittadino che parteciperà al monitoraggio sarà assegnato un numero di identificazione anonimo, in modo tale che i dati personali (e la privacy) siano tutelati. I risultati dell’indagine saranno diffusi in forma anonima e i dati saranno comunicati in forma aggregata. Le Regioni comunicheranno poi a ogni cittadino l’esito dell’esame. E se il test sierologico risultasse positivo? L’utente sarà messo in isolamento temporaneo a casa e poi sottoposto al tampone per capire se il virus è ancora in circolo (e quindi se si è ancora contagiosi).

Dove viene fatta l’indagine sulla sieroprevalenza del Covid-19

In tutto sono coinvolti 2 mila comuni in tutta Italia. La Lombardia è la regione con il campione più numeroso, ben 30 mila persone, seguita dal Veneto (13 mila), dall’Emilia Romagna (12 mila) e da Campania, Lazio e Sicilia (11 mila a testa). Alcune Regioni, come la Toscana, si sono già mosse con campagne a tappeto di test sierologici tra i lavoratori che hanno continuato ad operare durante il lockdown, come professionisti sanitari, addetti dei supermercati e giornalisti.

Come funziona il test sierologico

Come spiegato in questo articolo, c’è una grossa differenza tra il tampone e i testi sierologici: questi ultimi servono a misurare il livello di anticorpi presenti nel sangue sviluppati a seguito dell’esposizione al nuovo coronavirus Covid-19 (anche in modo asintomatico). In sostanza una semplice analisi riesce a stabilire se si è contratta l’infezione in passato. Per essere certi che il virus sia ancora attivo è necessario però sottoporsi al tampone.

Ultime notizie

Mascherina, obbligo a luglio: dove usarla e quando si può togliere

Al chiuso e all'aperto, per fare la spesa o in palestra: cosa dicono le regole sulle mascherine, contenute nell'ultimo dpcm

Cosa si può fare dal 14 luglio, nuovo dpcm: misure e divieti anti-coronavirus

Firmato il nuovo decreto. Dalla mascherina alle regole in auto, treno e aereo, fino alla chiusura delle discoteche: tutte le novità previste dal testo

Dpcm, 14 luglio 2020: il testo in pdf del nuovo decreto coronavirus

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, e in vigore dal 15 luglio, il provvedimento del premier Conte che conferma le misure contro il Covid-19

Anno scolastico 2020 – 21: quando inizia la scuola nelle regioni italiane

I primi a Bolzano, gli ultimi in Puglia. Le regioni approvano la data di inizio dell'anno scolastico 2020 - 21: ecco il calendario