martedì, 19 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Test sierologici sul Covid-19 (gratis),...

Test sierologici sul Covid-19 (gratis), al via le chiamate della Croce Rossa

Parte l'indagine sulla sieroprevalenza, servirà a mappare in tutta Italia la situazione del coronavirus. I volontari della Cri stanno telefonando ai cittadini selezionati dall'Istat

-

Uno studio statistico e scientifico per capire la diffusione del coronavirus in Italia. È partito lo screening nazionale attraverso 150 mila test sierologici, ossia analisi del sangue per controllare se si è stati esposti al virus Covid-19, che interesserà un campione di cittadini selezionato dall’Istat: i volontari della Croce Rossa italiana stanno iniziando a contattare via telefono le persone individuate dall’Istituto nazionale di Statistica.

Il progetto servirà a mappare la diffusione del nuovo coronavirus e in particolare a quantificare il livello di asintomatici, tutte quelle persone che finora hanno contratto l’infezione senza avere i sintomi della malattia ma che hanno sviluppato gli anticorpi. Da questo monitoraggio potranno venire fuori dati importanti per studiare le future misure di contenimento e per approfondimenti scientifici: dalle fasce di età più colpite agli impieghi più a rischio contagio.

Test sierologici della Croce Rossa sul Covid-19

Non sarà possibile quindi richiedere questo test sierologico, ma si potrà rientrare nell’indagine sulla sieroprevalenza solo se selezionati. I 150 mila nominativi sono stati individuati dall’Istat, in base a 6 classi di età, al genere e al lavoro svolto e i cittadini saranno ora contattati sul telefono cellulare dai volontari della Croce Rossa Italia, 7mila quelli coinvolti tra il call center e gli ambulatori. Dopo essere stati sottoposti a un questionario, curato da Istat e dal Comitato tecnico scientifico, verrà fissato il prelievo del sangue in uno dei laboratori selezionati del territorio o a domicilio nel caso di soggetti fragili. Secondo le prime stime le analisi dovrebbero concludersi nel giro di due settimane.

Test sierologico per il coronavirus: è gratis o a pagamento? È obbligatorio?

I test sierologici disposti a livello nazionale per questa indagine epidemiologica sono gratuiti, totalmente a carico del servizio sanitario nazionale, e non c’è l’obbligo di sottoporsi all’esame: “Partecipare non è obbligatorio – spiega la Croce Rossa sul proprio sito – ma conoscere la situazione epidemiologica  nel nostro Paese serve a ognuno di noi.

A ogni cittadino che parteciperà al monitoraggio sarà assegnato un numero di identificazione anonimo, in modo tale che i dati personali (e la privacy) siano tutelati. I risultati dell’indagine saranno diffusi in forma anonima e i dati saranno comunicati in forma aggregata. Le Regioni comunicheranno poi a ogni cittadino l’esito dell’esame. E se il test sierologico risultasse positivo? L’utente sarà messo in isolamento temporaneo a casa e poi sottoposto al tampone per capire se il virus è ancora in circolo (e quindi se si è ancora contagiosi).

Dove viene fatta l’indagine sulla sieroprevalenza del Covid-19

In tutto sono coinvolti 2 mila comuni in tutta Italia. La Lombardia è la regione con il campione più numeroso, ben 30 mila persone, seguita dal Veneto (13 mila), dall’Emilia Romagna (12 mila) e da Campania, Lazio e Sicilia (11 mila a testa). Alcune Regioni, come la Toscana, si sono già mosse con campagne a tappeto di test sierologici tra i lavoratori che hanno continuato ad operare durante il lockdown, come professionisti sanitari, addetti dei supermercati e giornalisti.

Come funziona il test sierologico

Come spiegato in questo articolo, c’è una grossa differenza tra il tampone e i testi sierologici: questi ultimi servono a misurare il livello di anticorpi presenti nel sangue sviluppati a seguito dell’esposizione al nuovo coronavirus Covid-19 (anche in modo asintomatico). In sostanza una semplice analisi riesce a stabilire se si è contratta l’infezione in passato. Per essere certi che il virus sia ancora attivo è necessario però sottoporsi al tampone.

Ultime notizie

A che ora parla Conte al Senato e quando è il voto di fiducia: la diretta

Conte parla due volte al Senato, poi il voto: a che ora si saprà se il governo avrà avuto la fiducia e tutti gli orari per seguire in diretta tv e streaming questa lunga giornata

Musei di Firenze aperti (anche gratis): nuovi orari 2021, dagli Uffizi a Boboli

L'apertura dei musei di Firenze dopo lo stop per il Covid: i nuovi orari per la zona gialla e tutti i luoghi d'arte aperti, dalle Gallerie degli Uffizi ai musei civici

Henry Moore, a Firenze 50 anni dopo. Il ricordo di Antonio Natali

Era il 1972, per la prima volta il Forte Belvedere ospitava una grande mostra d’arte contemporanea. Oggi le opere del celebre artista inglese tornano in città: “Ma non siamo cambiati per niente”. Il racconto dell’ex direttore degli Uffizi

Covid Toscana, casi in netto calo: i dati del 19 gennaio

Dati su contagi di Covid in Toscana aggiornati al 19 gennaio: i nuovi casi positivi e il punto della situazione nel bollettino della Regione