“Nuovo “welcome” per i nostri ospiti americani. Un omaggio al Fiorino, l’antica moneta che ha espresso nella storia il genio di Firenze, grazie al quale i turisti statunitensi possono usufruire di uno sconto del 10% in una selezionata scelta di alberghi e ristoranti del nostro territorio”. Con queste parole il Presidente della Provincia di Firenze, Matteo Renzi, ha presentato la campagna promozionale “The Fiorino Effect” alla stampa specializzata e agli operatori del settore turistico riuniti all’Hotel Conrad di Chicago. Alla prima serata americana allestita negli Usa per illustrare l’iniziativa che partirà in occasione del Genio Fiorentino 2008 erano presenti, oltre al direttore dell’Apt di Firenze Antonio Preiti, anche Riccardo Strano, direttore Enit NYC, Mauro Galli, President Tour crafters, e Alessandro Motta, Console generale of Italy.

The Fiorino Effect è stata definita da Riccardo Strano come “Una opportunità importante per i cittadini americani che arriva da un territorio meraviglioso come quello di Firenze nel momento in cui il dollaro sta perdendo il suo valore rispetto all’euro”.Interesse e in alcuni casi vero e proprio entusiasmo è stato manifestato da parte degli operatori turistici verso questa grande campagna di marketing che per la prima volta sperimenta una cooperazione di questo tipo tra Firenze e gli Stati Uniti. Dopo la tappa di Chicago, la delegazione volerà a New York, dove nella notte del 23 aprile (alle ore 23,30 ora italiana) illustrerà The Fiorino Effect presso la locale sede dell’Enit.

La campagna, promossa dalla Provincia di Firenze e dall’Apt, ha un duplice scopo: da un lato ricordare la nascita della moneta d’oro coniata per la prima volta a Firenze nel 1252, il Fiorino; una moneta che nel XIII secolo e fino al Rinascimento, grazie alla crescente potenza bancaria di Firenze, divenne la valuta di scambio preferita in Europa, una sorta di moderno dollaro. Dall’altro contrastare la debolezza del valore della moneta Usa nei confronti dell’Euro. Una perdita di valore che di fatto provoca per i turisti americani l’aumento del prezzo del soggiorno a Firenze e in tutta Europa.

Gli americani sono da anni i visitatori più numerosi nel territorio fiorentino: oltre 600 mila ospiti statunitensi nelle strutture ricettive di Firenze e provincia nel 2007, per un totale di quasi 1.600.000 presenze. Una presenza importante e generosa che la Provincia di Firenze vuole valorizzare attraverso iniziative che esaltino il valore del dollaro. Firenze nel luglio scorso è stata premiata negli Stati Uniti da Travel+Leisure, il maggiore magazine americano, come la più interessante destinazione turistica del momento nel mondo. La Provincia di Firenze vuole ricambiare questa simpatia e rafforzare il legame tra Firenze e gli Stati Uniti. Con le politiche di immagine vuole accrescere il valore della destinazione.


La promozione si rivolge ai clienti individuali statunitensi che prenotano il soggiorno secondo la formula “The Fiorino effect” contattando direttamente l’hotel e facendo esplicito riferimento alla promozione al momento della prenotazione. Il prezzo sul quale applicare lo sconto sarà quello normalmente praticato dalla struttura in quel momento.L’iniziativa sarà estesa anche ai musei e al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. La Fondazione Palazzo Strozzi, infatti, praticherà uno sconto del 20% sul biglietto sulle grandi mostre in programma per il 2008: “Cina: alla Corte degli Imperatori” (fino al 8 giugno), “Dipingere la luce- Le tecniche nascoste degli Impressionisti” (11 luglio-28 settembre), “Caterina e Maria de’ Medici: Donne al potere. Il ritorno di due Regine di Francia” (24 ottobre-25 gennaio 2009) ai turisti statunitensi; il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, a sua volta, applicherà uno sconto del 15% sui loro spettacoli, mentre l’ingresso a Palazzo Medici sarà gratuito per i visitatori statunitensi.