venerdì, 21 Giugno 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaTorna la "cena galeotta"

Torna la “cena galeotta”

Il carcere di Volterra è pronto ad aprire nuovamente le porte al pubblico. Venerdì 23 ottobre i suoi detenuti vestiranno gli insoliti panni di chef, maitre e camerieri per il secondo appuntamento delle Cene Galeotte, evento che unisce la solidarietà con l'enogastronomia.

-

- Pubblicità -

Circa trenta i detenuti impegnati nell’organizzazione della cena, per l’occasione, diretti dallo chef Natascia Santandrea del ristorante La Tenda Rossa di San Casciano Val di Pesa (FI).  Gli ospiti, una volta varcate le porte del carcere, saranno accolti da un aperitivo consumato all’interno del cortile. La cena sarà invece servita nella cappella sconsacrata del carcere, per l’occasione trasformata in una sala da pranzo con tanto di candele, tavole impeccabilmente apparecchiate, camerieri/carcerati sempre attenti e disponibili, sommelier e vini importanti (a cura della Fisar di Volterra).

Questo il menù servito per la cena del 23 ottobre, realizzato dallo chef  Natascia Santandrea del ristorante La Tenda Rossa e dai detenuti della Casa di Reclusione di Volterra:

- Pubblicità -

Stuzzichini per l’aperitivo:
schiacciata con zucca gialla allo zenzero
uova di quaglia croccanti al leggero sentore di affumicato
fish & chips

Antipasto:
cubo di tonno rosso con “salsa mediterranea”

- Pubblicità -

Primi:
Passatelli in guazzetto di frutti di mare e code di scampi
Fusilli al delicato pesto di basilico con tartara di capesante al lime e chicchi di melograno

Secondo:
Mazzancolle in mousse di patata al leggero sentore di peperoncino

- Pubblicità -

Dolce:
Mousse di cioccolato fondente in zuppa di ricotta e polvere di cacao e cialda di grano saraceno

Promossa da Unicoop Firenze, che come ogni anno fornirà le materie prime e assumerà i detenuti retribuendoli regolarmente, in collaborazione con il Ministero di Grazia e Giustizia, Fisar, la direzione della Casa di reclusione di Volterra e l’organizzazione dello Studio Umami (www.studioumami.com) l’iniziativa prevede il coinvolgimento di chef di fama. Le otto cene in calendario saranno infatti sempre preparate e servite dai carcerati, ma in cucina i detenuti potranno contare sull’esperienza e la maestria di un rinomato chef individuato dall’enogastronomo Leonardo Romanelli.

Un appuntamento che nella scorsa edizione ha permesso a circa ottocento persone di vivere un’esperienza emozionante e formativa come quella di entrare in un carcere e avvicinarsi ai detenuti. Il ricavato sarà integralmente devoluto alla campagna internazionale “Il Cuore si scioglie” (www.ilcuoresiscioglie.it), che dal 2000 vede impegnata Unicoop Firenze, insieme al mondo del volontariato laico e cattolico. Come accaduto per gli oltre 25.000 euro della passata stagione, il denaro raccolto sarà impiegato in progetti di solidarietà per realizzare scuole e centri di accoglienza, per garantire cure mediche, per creare opportunità di lavoro e per promuovere l’adozione e l’affidamento a distanza dei bambini in otto paesi del Sud del mondo: Brasile, Burkina Faso, Camerun, Filippine, India, Libano, Palestina e Perù.

Non solo. Non bisogna dimenticare infatti che le Cene Galeotte sono un momento importante per molti carcerati, che, grazie anche all’esperienza formativa in cucina con gli chef e in sala con la Fisar di Volterra, sono riusciti ad acquisire un bagaglio lavorativo che in ben otto casi si è tradotto in un vero impiego in ristoranti locali, secondo l’art. 21 che regolamenta il lavoro al di fuori del carcere.

Questo il calendario delle prossime cene:

Venerdì 23 Ottobre 2009
Cena in favore di Movimento Shalom per il Burkina Faso
Chef: Famiglia Santandrea
Tenda Rossa – San Casciano Val di Pesa (FI)

Venerdì 20 Novembre 2009
Cena in favore di ARCI per le Filippine
Chef: Famiglia Colzi
Trattoria Mario – Firenze

Venerdì 18 Dicembre 2009
Cena in favore di ARCI per il Perù
Chef: Giovanni Mancino
Ristorante Piccolo Principe dell’Hotel Principe di Piemonte – Viareggio (LU)

Venerdì 22 Gennaio 2010
Cena in favore di Diocesi di Fiesole per la Palestina
Chef: Famiglia Gori
Trattoria Burde – Firenze

Venerdì 19 Febbraio 2010
Cena in favore di Suore Francescane di S. Elisabetta per l’India
Chef: Fratelli Saporito
La Leggenda dei Frati – Monteriggioni (SI)

Venerdì 26 Marzo 2010
Cena in favore di ARCI per il Libano
Chef: Massimo Bottura
Osteria La Francescana – Modena

Venerdì 23 Aprile 2010
Cena in favore di Progetto Agata Smeralda per il Brasile
Chef: Fabio Picchi
Cibrèo – Firenze

L’apertura del carcere al pubblico prenotato avverrà alle 19.30. La cena avrà inizio alle 20 e costa 35 euro a persona.
 
Per informazioni e prenotazioni:

Agenzie Toscana Turismo (Argonauta Viaggi)
Tel. 055.2342777

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -