lunedì, 24 Giugno 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaTra i giovani parte la...

Tra i giovani parte la corsa all’Esercito

Sempre più difficile trovare un impiego, e allora torna di moda l'arruolamento. Il 2009 ha visto un forte incremento di domande da parte di ragazzi e ragazze di casa nostra, e ora la Toscana fa “concorrenza” alle regioni del Sud per numero di (aspiranti) militari.

-

- Pubblicità -

“Ho lasciato la mamma mia/l’ho lasciata per fare il soldà…”, recitava una delle più note canzoni della Grande Guerra. Da allora sono passati più di 90 anni, ma questi versi – che ormai parevano solo un ricordo legato alla nostra storia – sembrano tornati nuovamente di moda. Perché? La causa – anche questa volta – va ricercata (almeno in parte) nella crisi. I numeri  parlano chiaro: per i giovani trovare lavoro diventa sempre più difficile, e allora sta tornando in auge l’arruolamento nell’esercito. Proprio così. E anche in Toscana.

Agli occhi dei ragazzi (e delle ragazze) dei tempi nostri, questo deve infatti apparire come un lavoro sempre più sicuro, un’alternativa a un’occupazione che non c’è. E se dalla prima guerra mondiale i tempi sono cambiati, lo stesso può dirsi anche per l’esercito. “La svolta epocale è avvenuta nel 2005, quando siamo passati da esercito di leva a esercito professionale. Le tradizioni e gli obiettivi principali restano gli stessi, ovvero la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni, ma da allora siamo diventati un esercito nuovo, proiettato verso l’esterno. Ragioniamo come un’azienda, e facciamo anche marketing”, spiega il colonnello Antonello Procaccini, del comando militare di Firenze. Tanto che l’esercito, proprio come un’azienda in cerca di forze nuove e valide, era presente con un proprio stand all’ultima edizione di Job Fair, la fiera dedicata a chi cerca lavoro che si è tenuta a Firenze a fine ottobre.

- Pubblicità -

“E subito, in poche ore, abbiamo ricevuto una ventina di domande di reclutamento – continua Procaccini – ma in generale, anche per via della congiuntura, in Toscana quest’anno c’è stato un notevolissimo incremento delle domande: sono state circa 200, ed è un dato estremamente alto”. Causa crisi, insomma, la nostra regione va ad aggiungersi con decisione a quello che da sempre è il bacino d’utenza principale per quanto riguarda gli arruolamenti, ovvero il Meridione. D’altronde, i giovani che scelgono questa strada entrano con uno stipendio di almeno 800 euro al mese (oltre a vitto e alloggio), e con la possibilità di accedere a concorsi per salire velocemente di grado (e di salario): opportunità, oggi, non facili da trovare altrove.

Ma chi sono coloro che scelgono di tentare la carriera militare? “Giovani dai 18 ai 25 anni – risponde Procaccini – tra cui sempre più donne. E quest’ultime non stanno aumentando solo di numero, ma anche di grado. Se in passato avevano sostanzialmente una funzione logistica, ora stanno dando grandi risposte a livello psicoattitudinale, e sono sempre più operative anche per i combattimenti e le missioni all’estero”. Non più roba da soli uomini, insomma, ma gentil sesso sempre più protagonista anche in campo militare. Cosa forse inimmaginabile ai tempi della Grande Guerra. Ma i tempi cambiano, l’esercito pure, e la crisi interessa tutti. Senza stare troppo a guardare il sesso di chi colpisce.

- Pubblicità -

 

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -