lunedì, 18 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Trasporti eccezionali, ma più semplici

Trasporti eccezionali, ma più semplici

-

La Provincia di Firenze ha infatti attivato un servizio di autorizzazioni online – partirà da settembre – che dimezzerà i tempi di rilascio e in due anni si arriverebbe praticamente all’azzeramento del consumo di carta.

Chi lavora nel mondo dei trasporti eccezionali potrà permettersi il lusso di non dover raggiungere fisicamente gli uffici della Provincia per fare le pratiche necessarie in tale settore. Le modalità del servizio sono state illustrate dall’assessore provinciale alla Mobilità Maria Cristina Giglioli, promotrice dell’iniziativa.

Sarà possibile, dal proprio computer o da quello delle Associazioni di categoria cui le aziende sono collegate, effettuare la richiesta di autorizzazione per il trasporto eccezionale. “I vantaggi correlati – spiega l’assessore Giglioli – saranno in termini di semplificazione, sburocratizzazione ed informatizzazione rispetto alle precedenti modalità. Il servizio inizierà con una fase sperimentale di tre mesi per alcune aziende che appartengono ai trasporti eccezionali ed in seguito, dal 1 settembre, verrà esteso a tutti gli utenti, per andare a regime entro ottobre 2008”.

Da settembre le autorizzazioni potranno essere chieste sulla pagina web: www.provincia.fi.it/portal/

Ultime notizie

Roboante sconfitta viola a Napoli

La classifica torna a preoccupare

Fiorentina, prima volta allo stadio Maradona

La Fiorentina sfida il Napoli nel lunch match di domenica: le probabili formazioni. Commisso rinuncia allo stadio

In quanti in macchina, regole del nuovo Dpcm sulle persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid

Centri commerciali aperti o chiusi nel weekend: regole del Dpcm

Shopping pre-saldi a ostacoli. In zona gialla e arancione tutti i negozi possono stare aperti, ma nel weekend scatta la chiusura dei centri commerciali (con qualche deroga)