domenica, 28 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Turismo "a pedali" in Toscana

Turismo “a pedali” in Toscana

Presentato il progetto "Bike Hotels in Tuscany", che ha come obiettivo quello di far incontrare turismo e ciclismo. Testimonial dell'iniziativa il campione mondiale toscano di ciclismo su strada Paolo Bettini. Presentato anche il portale www.bikehotelstuscany.com.

-

Un progetto per i cicloturisti in Toscana. E’ stato presentato stamani dall’assessore regionale al turismo, cultura e commercio Paolo Cocchi il progetto “Bike Hotels in Tuscany”, che ha come protagonista, sia nel ruolo di testimonial che di imprenditore del settore, il campione mondiale toscano di ciclismo su strada Paolo Bettini (nella foto). Il progetto, nato dalla collaborazione tra il Consorzio Toscana Mediterranea e Btf Events, la società con cui Paolo Bettini ha scelto di contribuire a valorizzare il territorio dove ha praticato e continua a praticare il ciclismo, fa leva su eventi come il Gran Premio Costa degli Etruschi, il Granfondo Paolo Bettini, i Bettini Day, o le 3 settimane in bassa stagione “Pedala con Bettini”, gettando le basi per un flusso allargato a tutto l’anno di cicloturisti individuali o organizzati.

“Un progetto concreto di turismo legato al ciclismo, che ha come elemento irrinunciabile la Toscana, le sue strade, i suoi paesaggi, le sue strutture ricettive, i suoi prodotti e anche i suoi campioni, non poteva non intrigarci. Anche perché sono questi gli ingredienti chiave con cui costruire una offerta turistica personalizzata, specializzata in segmenti di mercato, e contribuire a fare della Toscana dai tanti volti e dalle tante attrattive anche una regione accogliente per il cicloturismo“, ha illustrato Cocchi.

“Un aspetto, quello della destagionalizzazione, a cui la Regione Toscana tiene particolarmente – ha detto ancora l’assessore regionale – e che si abbina alla valorizzazione di territori meno toccati dai grandi flussi e alla promozione di un turismo a due ruote, ecocompatibile e ecosostenibile, a misura di Toscana. Non a caso siamo la regione capofila di un progetto interregionale per il cicloturismo a cui partecipano anche Veneto, Liguria, Lombardia, Umbria, Sardegna, Friu li. Insieme alle altre sei regioni stiamo lavorando per strutturare un’offerta che soddisfi le esigenze di questo promettente mercato, predisponendo i servizi specifici richiesti a livello di ospitalità, di individuazione dei percorsi, di accoglienza ed assistenza turistica. La stessa direzione che ci sembra sia stata imboccata da Bike Hotels in Tuscany”.

Cocchi ha anche sottolineato che “la Toscana sta investendo molto su qualificazione e promozione di questo comparto del turismo. In particolare lo sviluppo sostenibile del turismo e del commercio delle aree interessate dal sistema regionale dei percorsi cicloturistici è uno dei progetti speciali di interesse regionale che sono previsti dal PRSE 2007-2010. E ciò consente di finanziare anche operazioni di infrastrutturazione”. Nel corso della conferenza stampa è stato anche presentato il portale www.bikehotelstuscany.com, che dà visibilità a tutte le iniziative in programma e che vuole porsi come punto di riferimento e porta di accesso per il cicloturisti da un lato, per i fornitori dall’altro. E anche qui il protagonista e interlocutore è Paolo Bettini.

 

Ultime notizie

Una Fiorentina lenta si fa trafiggere dall’Udinese a pochi minuti dalla fine

Un passo indietro per i viola che tornano a tremare in zona salvezza

Contro l’Udinese nella Fiorentina rientra Ribéry

Probabile l’utilizzo anche di Kokrin, assente Bonaventura: le probabili formazioni di Udinese - Fiorentina

Covid Toscana, casi ancora sopra ai 1.200: i dati del 26 febbraio

I dati del bollettino Covid della Toscana del 26 febbraio: casi di coronavirus ancora sopra quota 1200, preoccupazione per la zona rossa

Riapertura palestre, via libera alle lezioni individuali: cosa significa

Il nuovo protocollo del Cts apre alle lezioni individuali per la riapertura delle palestre: quali sono, cosa significa e da quando