Progettata per essere – come evidenzia l’assessore regionale alla cultura Paolo Cocchi – “luogo di conoscenza, incontro e stimolo alla creatività» la nuova Casa di Giotto, sul Colle di Vespignano, è dotata di postazioni multimediali interattive, video e laboratori che si animeranno durante le  gite scolastiche e i fine settimana.

Tre le aree tematiche: Giotto (il visitatore potrà fruire di un video-film sul pittore mentre una serie di postazioni multimediali interattive permetteranno a ciascuno di delineare il proprio percorso di conoscenza dell’opera giottesca); il territorio (con il linguaggio contemporaneo dei video-environments sarà ad esempio possibile all’ambiente “entrare” nella casa e al visitatore “uscire” nel territorio e nel paesaggio del Mugello); i laboratori (in accordo con l’idea di “bottega medievale” il piano superiore della struttura diventa spazio per esperienze artistiche con possibilità di atelier per giovani, scuole, artisti, famiglie, turisti).

Forte la soddisfazione del sindaco Elettra Lorini: “Vicchio accresce così la sua già significativa offerta culturale, con ricadute economiche sull’intero territorio, di cui fanno parte il museo del Beato Angelico, la casa di Benvenuto Cellini e l’esperienza legata a don Lorenzo Milani”

Il nuovo polo museale sarà inaugurato sabato 11 ottobre. Nel corso della mattina, alle 10.30, si terrà la tavola rotonda sulle prospettive di lavoro (“Un futuro da costruire insieme”) della rinnovata struttura culturale toscana: moderati dallo storico dell’arte Giuseppe Basile discutono i rappresentanti istituzionali dei luoghi legati all’opera giottesca.

La festa, nel pomeriggio, prosegue con altri momenti e con il coinvolgimento di varie associazioni locali: un laboratorio sul colore, per bambini da 5 a 12 anni; una escursione naturalistica sulla “Terra di Giotto” per scoprire il paesaggio dei dipinti di Giotto; la proiezione non stop di video d’arte contemporanea realizzati alla “Casa di Giotto”; un saluto (ore 18:30) in musica.