mercoledì, 27 Maggio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Una seduta per i lavoratori

Una seduta per i lavoratori

La commissione Lavoro ascolterà le ragioni dei lavoratori della Cgil che oggi sono scesi in piazza per protestare. Il presidente Bruno: "Hanno difeso il potere d'acquisto dei loro salari".

-

In un momento tanto caldo, e proprio nel giorno in cui 30mila persone sono scese in piazza per manifestare, il presidente della commissione regionale Lavoro, Edoardo Bruno, ha annunciato che sarà convocata una seduta della Commissione in cui saranno ascoltate le ragioni dei lavoratori che oggi hanno protestato.

Nel dare la notizia, Bruno si è detto vicino ai lavoratori che hanno aderito all’astensione dal lavoro indetta dalla Cgil e hanno manifestato il loro dissenso e la loro preoccupazione.

“I lavoratori con questa iniziativa non fanno altro che esercitare il diritto a difendere il potere d’acquisto dei loro salari – ha detto –nonché a difendere altri diritti, come quello alla salute, che provvedimenti come le decurtazioni per i primi giorni di malattia mettono in discussione. Della recessione che si sta manifestando nel paese i lavoratori non hanno alcuna colpa e non devono essere loro a pagare il prezzo più alto”.

Ultime notizie

Il piano Rinasce Firenze per riportare i residenti in centro

Divieto ai bus turistici, censimento delle false residenze, controllo degli accessi: cosa prevede il piano Rinasce Firenze

3 musei civici di Firenze aperti dopo il lockdown

Palazzo Vecchio, Museo Bardini e Museo Novecento spalancano di nuovo le porte ma con orari ridotti e regole anti-Covid, come la prenotazione obbligatoria online

Tramvia, Firenze studia come portarla fino al Duomo (o quasi)

Il sindaco Nardella annuncia: i tecnici stanno elaborando un progetto per far arrivare Sirio vicino a Santa Maria del Fiore

Nardella: “La prima tappa del Tour de France sull’Appennino” tra Firenze e Bologna

"Ho chiesto al presidente Bonaccini di organizzare la prima tappa del Tour de France sull'Appennino": ecco la proposta del sindaco Nardella