venerdì, 24 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaUna valigetta a tutte le...

Una valigetta a tutte le neomamme

-

PROMOZIONE DELL’ALLATTAMENTO AL SENO. «Con iniziative concrete nelle maternità, che risalgono ormai al 2004 – afferma l’assessore per il diritto alla salute Enrico Rossi – abbiamo sviluppato un progetto per la promozione dell’allattamento al seno che non ha uguali in Italia. La Toscana è stata la prima regione a bandire dai punti nascita il latte artificiale, perchè il mondo scientifico e clinico ci dice che il latte materno èinsostituibile e straordinariamente benefico per il neonato. La valigetta che consegneremo a tutte le mamme prima che tornino a casa dopo il parto rafforza questo importante messaggio per la salute».

LA VALIGETTA. Realizzata con la collaborazione della Federazione nazionale dei medici pediatri, il reparto pediatria dell’Ospedale di Nottola della Asl 7, l’Azienda e la Fondazione Meyer e la Giunti Progetti Educativi, la valigia contiene il libretto “Naturalmente mamma” sull’allattamento al seno, tradotto anche in alcune delle lingue parlate dalle donne straniere che si rivolgono ai servizi (albanese, cinese, spagnolo, rumeno, arabo e filippino), depliant e schede sul rischio Sids, la prevenzione degli incidenti domestici nel primo anno di vita, le banche del latte umano, un invito alla lettura e due compact disk.

I DATI DEMOGRAFICI TOSCANI. Nel 2008 sono nati in Toscana 33.257 bambini, il 22 % da madre di nazionalità straniera. La promozione dell’allattamento al seno, diffusa in tutti i punti nascita della regione, èparticolarmente curata nelle strutture riconosciute dall’Oms e dall’Unicef come Ospedali Amici dei Bambini (Baby Friendly Hospital) che in Toscana sono l’Ospedale di Pistoia, gli Ospedali Riuniti dell’Altavaldelsa di Poggibonsi, l’Ospedale della Valdichiana senese a Montepulciano, l’Ospedale S. Maria Annunziata (Ponte a Niccheri) di Firenze, l’ Ospedale di Luccae l’Ospedale del Mugello a Borgo San Lorenzo. Nel 2008 negli ospedali di Lucca, Pistoia e Siena e in quelli dell’Azienda 10 di Firenze il 77,40% dei bambini nati hanno ricevuto solo latte materno, percentuale che nel 2009 è cresciuta fino al 93%.

GLI OSPEDALI AMICI DEI BAMBINI. Per poter essere riconosciuto “Ospedale Amico dei bambini” una struttura sanitaria deve rispettare 10 passi redatte dall’Oms/Unicef che prevedono, fra l’altro, di informare tutte le donne in gravidanza dei vantaggi e dei metodi dell’allattamento al seno; formare il personale sanitario; sistemare il neonato nella stessa stanza della madre (rooming-in), in modo che trascorrano insieme 24 ore su 24 durante la permanenza in ospedale; non somministrare ai neonati alimenti o liquidi diversi dal latte materno e non dare tettarelle artificiali o succhiotti ai neonati durante il periodo dell’allattamento.

Ultime notizie