HomeSezioniCronaca & PoliticaUn’altra giornata di grande caldo...

Un’altra giornata di grande caldo (aspettando il weekend)

Temperature ancora da bollino rosso a Firenze. Secondo le previsioni del Lamma, però, mercoledì potrebbero svilupparsi temporali sui rilievi e nel fine settimana si potrebbe registrare un’attenuazione delle temperature


-

Temperature ancora da bollino rosso a Firenze. La Protezione civile del Comune ha confermato anche per oggi l’emergenza caldo. E anche di notte la situazione rimane difficile, con la conferma del disagio notturno da caldo. 


le previsioni

Per vedere qualche cambiamento di rilievo dovremo aspettare ancora. Secondo le previsioni del Lamma, questa sarà un’altra settimana di grande caldo: mercoledì – viene spiegato – potrebbero però svilupparsi temporali sui rilievi, e nel week end si potrebbe registrare una attenuazione delle temperature.

informazioni

Per quanto riguarda l’informazione alla popolazione, la Protezione Civile ha prorogato fino al 28 luglio il servizio di messaggi sui pannelli a messaggi variabile di Silfi, normalmente utilizzati per le notizie di mobilità, e sulle paline elettroniche alle fermate dell’Ataf. Continua anche l'impegno dei vigili: gli agenti di Polizia Municipale in servizio in centro e nei cantieri sono dotati di un vademecum con le norme di comportamento corretto per far fronte al caldo, per dare una corretta informazione a cittadini e turisti.


Sempre validi i consigli per la popolazione, non solo anziani, bambini e soggetti fragili, che sono a disposizione sul sito della Protezione civile. Tra questi evitare, se possibile, l’esposizione all’aria aperta nella fascia oraria tra le 12 e le 18, evitare di bere bevande alcoliche, consumare pasti leggeri e mangiare frutta e verdura fresche (alcolici e pasti pesanti aumentano la produzione di calore all’interno del corpo), fare bagni e docce d’acqua tiepida, indossare vestiti leggeri e comodi in fibre naturali, provvedere a schermare i vetri delle finestre con strutture come persiane, veneziane o almeno tende, accertarsi delle condizioni di salute e offrire aiuto a parenti, vicini e amici che vivono soli, bere molta acqua (gli anziani devono bere anche in assenza di stimolo della sete), soggiornare anche solo per alcune ore in luoghi climatizzati per ridurre l’esposizione alle alte temperature.


anziani

Per quanto riguarda nello specifico gli anziani, l’amministrazione ricorda che è in funzione la Sorveglianza attiva: si tratta di un servizio (gestito in convezione con Montedomini in modo integrato con la teleassistenza) che garantisce un monitoraggio telefonico costante, in favore di anziani fragili segnalati come a rischio (per esempio, da ondata di calore) dai medici di famiglia o dai servizi sociosanitari territoriali.

Il servizio è rivolto peculiarmente alle persone anziane sole che non dispongono di una rete familiare idonea a garantirne la sorveglianza delle condizioni di salute e di bisogno. L’intensità dell’azione di sorveglianza – viene spiegato – è modulata in base alle condizioni di rischio connesse al periodo in cui si realizza, con particolare riferimento al periodo estivo e ai rischi derivanti da ondate di calore, durante le quali viene intensificata la frequenza di monitoraggio. 


Alla sorveglianza attiva si aggiungono i ricoveri temporanei di sollievo in Rsa (destinati agli anziani non autosufficienti e ai loro familiari) e i servizi attivi ordinariamente, come l’assistenza a casa, i pasti a domicilio, i centri diurni o la teleassistenza, che costituiscono una risorsa utile in risposta ai particolari disagi tipici del periodo estivo. Aspettando che le temperature si abbassino (almeno un po').

Ultime notizie