mercoledì, 3 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Vendite ancora in forte calo,...

Vendite ancora in forte calo, ma c’è fiducia per il periodo natalizio

Il commercio non si è ancora ripreso dalla crisi economica che si è abbattuta sul mondo del lavoro da un anno a questa parte e da un'indagine svolta da Unioncamere Toscana e Regione Toscana emerge che nel III trimestre del 2010 è stata registrata una flessione dell'1,6% nelle vendite al dettaglio in tutta la regione. Aspettative positive degli imprenditori toscani si registrano, però, per il periodo natalizio per il quale è previsto un incremento delle vendite.

-

Il commercio non si è ancora ripreso dalla crisi economica che si è abbattuta sul mondo del lavoro da un anno a questa parte e da un’indagine svolta da Unioncamere Toscana e Regione Toscana emerge che nel III trimestre del 2010 è stata registrata una flessione dell’1,6% nelle vendite al dettaglio in tutta la regione. Aspettative positive degli imprenditori toscani si registrano, però, per il periodo natalizio per il quale è previsto un incremento delle vendite.

INDAGINE. Unioncamere Toscana e Regione Toscana, nell’ambito dell’Osservatorio regionale sul Commercio, hanno svolto un’indagine legata al III trimestre del 2010, relativa quindi al periodo luglio-settembre, facendo emergere una flessione dell’1,6% nelle vendite al dettaglio.

DISTRIBUZIONE. Per quanto riguarda i singoli comparti, solamente la grande distribuzione, ovvero i negozi con più di 20 addetti, fanno registrare una piccola ripresa (+0,1%) dopo due anni di risultati negativi, mentre sia i piccoli negozi con meno di sei addetti, sia la media impresa commerciale formata da minimo sei e massimo 19 dipendenti restano su valori negativi, rispettivamente -3,2% e -1,4%, anche se questi sono più contenuti rispetto all’anno passato.

SUPERMERCATI. Si registrano in ripresa le vendite di ipermercati, supermercati e grandi magazzini con un +0,4% ma, nello specifico, quelli specializzati in prodotti non alimentari calano del 2,0%, mentre quelli specializzati in prodotti alimentari subiscono una flessione dell’1,8%.

ABBIGLIAMENTO. Per quanto riguarda, invece, il settore abbigliamento ed accessori si registra una perdita del 1,5%, notevolmente in rialzo rispetto all’anno passato quando la flessione era del 6,3%; lo stesso discorso vale per i prodotti per la casa e per gli elettrodomestici che passano da circa -5% nel 2009 a -2,9% nell’anno in corso.

ALTRI PRODOTTI. Infine, le vendite di prodotti farmaceutici, di profumeria, ma anche libri, giornali, cartoleria e articoli di seconda mano calano dell’1,8%.

FIDUCIA PER NATALE. Va detto, però, che un notevole “clima di fiducia” emerge fra gli imprenditori toscani nei confronti delle vendite nel periodo natalizio. Le imprese commerciali della Toscana mostrano voglia di ripartire facendo previsioni positive per l’ultimo trimestre del 2010.

Ultime notizie

Il testo ufficiale del nuovo Dpcm Draghi (pdf): quando entra in vigore

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: pubblicato sul sito del governo il testo ufficiale in pdf del nuovo Dpcm del governo Draghi, in attesa dell'arrivo in Gazzetta. Ecco quando entra in vigore e quando scade

In zona arancione si va a scuola o no: quando sono aperte le superiori

Scuole superiori aperte o chiuse? Ecco quando si va a scuola in zona arancione, le regole del nuovo Dpcm

Fiorentina, al Franchi arriva la Roma

Verrà ricordato Davide Astori. Possibile il rientro di Amrabat a centrocampo: le probabili formazioni di Fiorentina - Roma

Covid Toscana, casi di nuovo sopra quota mille: i dati del 2 marzo

In 24 ore si contano 1.058 nuovi casi di Covid in Toscana, preoccupanti i dati dei ricoveri in ospedale, oltre 1.100. Oggi si registrano 13 morti