sabato, 8 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaWelcome day per studenti Usa

Welcome day per studenti Usa

Come è ormai tradizione, ieri nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio si è rinnovata la tradizionale cerimonia di benvenuto agli studenti statunitensi che ogni anno a migliaia arrivano a Firenze e in Toscana per studiare negli oltre 30 istituti e università americane presenti sul nostro territorio. Assegnato anche il premio 'Italia-Usa' a Marialina Marcucci e Robert J. Cortelyou.

-

Il “Welcome day”, organizzato dall’associazione Toscana-Usa in collaborazione con il Comune di Firenze, è stata anche quest’anno una cerimonia solenne e festosa insieme, anche per la consegna del premio ‘Toscana-Usa’ a Marialina Marcucci e Robert J. Corteltou.

“Questa è l’occasione per rinsaldare i vincoli di amicizia fra la nostra regione e gli Stati Uniti”, ha ribadito il vicesindaco Dario Nardella, presente insieme alla console Mary Ellen Countryman, ai presidenti dell’associazione Toscana-Usa Sergio Pezzati e Lynn Wiechmann, al presidente della commissione Cultura della Regione Enzo Brogi. “La vostra presenza nella nostra città è una grande opportunità”, ha aggiunto Nardella rivolto agli studenti, ricordando l’attenzione dell’amministrazione comunale per il mondo delle università, testimoniata dall’istituzione di un apposito assessorato guidato da Elisabetta Cianfanelli.

Anche quest’anno durante la manifestazione è stato assegnato il premio “Toscana-Usa”, che dal 1996 viene attribuito a personaggi americani e toscani, la cui attività professionale ha contribuito ad accrescere i legami di amicizia e di collaborazione: i premiati per questa edizione sono stati Marialina Marcucci, imprenditrice e presidente della Robert F. Kennedy Foundation of Europe e Robert J.Cortelyou, vicepresidente della Delta Air Line.

Durante la cerimonia, introdotta dalle musiche dei Solisti dell’Orchestra da camera fiorentina diretti da Giuseppe Lanzetta, è stato presentato un filmato sul cielo dipinto nella volta della Cappella de’ Pazzi del Brunelleschi, che rivela singolari coincidenze fra la storia di Firenze e quella degli Stati Uniti d’America.

Ultime notizie