martedì, 22 Settembre 2020
Home Sezioni Eventi Presentata l'edizione 2009 di OperaFestival

Presentata l’edizione 2009 di OperaFestival

Opera Festival 2009

-

La stagione si aprirà il 15 giugno al Giardino di Boboli con la prima mondiale di Aida, l’opera di Giuseppe Verdi che rappresenta l’essenza stessa del melodramma con le scene ed i costumi di Igor Mitoraj. Il grande maestro ha dato una chiave di lettura culturale del tutto innovativa, senza però toccare la maestosità e la qualità dell’opera del grande compositore di Busseto e sfruttando appieno tutta la potenzialità del Giardino di Boboli, unico teatro en plein air di Firenze con oltre 3000 posti.
Aida sarà replicata il 25 giugno, il 9 e il 21 luglio.

Il programma di OperaFestival proseguirà il 22 ed il 23 giugno, sempre al Giardino di Boboli con uno dei cantautori più amati dal pubblico italiano Claudio Baglioni ed il suo nuovo spettacolo live “Gran Concerto: storia musicale di un amore che non dura tutta la vita ma la cambia per sempre”. Una performance che precede l’uscita del suo nuovo doppio cd e arriva dopo l’enorme successo del libro e del film chiudendo così la trilogia.

Poi il programma ripropone per tutti gli appassionati la grande musica classica con una collaborazione artistica, un doppio appuntamento con il Maggio Musicale Fiorentino che quest’anno straordinariamente sposta al Giardino di Boboli la chiusura della 72^ edizione.
Due serate di assoluto richiamo: il 1 luglio la compagnia di ballo MaggioDanza saluta il Maggio Musicale Fiorentino e il suo  pubblico con un grande Galà in cui ripropone gli highlights della stagione, che l’ha vista protagonista, oltre che di applauditi  spettacoli a Firenze, anche di una lunga e acclamata tournée in tutta  Italia. Il 2 luglio la tradizionale chiusura del Maggio Musicale Fiorentino, quest’anno è  affidata alle note della “Messa da Requiem” che Giuseppe Verdi compose  nel 1874 in memoria di Alessandro Manzoni. Il Direttore principale,  Zubin Mehta, che del Requiem verdiano è uno degli interpreti di  riferimento, guida l’Orchestra e il Coro del Maggio e quattro solisti  giovani – il soprano Anna Samuil, il mezzosoprano Anna Smirnova, il  tenore Fabio Sartori e il basso Alexander Tsymbalyuk – ma dalle  brillanti carriere internazionali.

Dopo il grande successo di pubblico dello scorso anno che all’Abbazia di San Galgano ha fatto registrare il tutto esaurito, tornano al Giardino di Boboli il 14 luglio Carmina Burana di C. Orff e il Bolero di M. Ravel
Composta da Carl Orff nel 1937, Carmina Burana è una delle più importanti raccolte di documenti poetici e musicali del medioevo, appoggiata su musica del novecento. Orff realizza la “cantata secolare” dei Carmina Burana prendendo a modello principalmente due culture, quella della tragedia classica e quella del teatro musicale barocco per realizzare un’opera di “teatro totale” in cui musica, parole e movimento si fondono insieme in un effetto avvolgente ed imperioso.

Il 16 luglio OperaFestival apre il teatro del Giardino di Boboli a Massimo Ranieri con uno spettacolo “Canto Perché Non So Nuotare… Da 40 Anni…..” che ha i colori e le emozioni di un grande show. Il cantante-showman partenopeo canta i suoi brani più famosi e più amati dal pubblico, ma proporrà anche, per la prima volta, le più belle canzoni d’autore degli ultimi tempi: da Mina a Battisti a Battiato. Le coreografie sono di Franco Miseria, primo ballerino di grande successo degli anni Settanta e poi coreografo dei più famosi e popolari varietà degli anni Ottanta e Novanta, facendo conoscere al pubblico televisivo prima Heather Parisi e poi Lorella Cuccarini. Indimenticabili anche le coreografie dei alcuni dei più grandi successi di Garinei e Giovannini.

Il 23 luglio a Boboli risuoneranno le magiche note delle tradizione musicale viennese con il “Galà di Operette Viennesi” diretta dal maestro Peter Guth, musicista versatile e custode indiscusso di questo repertorio. E questa volta sul palcoscenico, insieme all’Orchestra della Toscana, ci saranno anche il soprano Monica Rebholz e il tenore Joachim Moser, provenienti dalla Volksoper di Vienna.
Nella prima parte le pagine più note dalle operette di Johann Strauss: Il pipistrello, Il fazzoletto di pizzo della regina, Lo zingaro barone, e Sangue viennese. Seguono, nella seconda parte, arie dalla Vedova allegra e dal Paese del sorriso di Franz Lehár, e ancora le più divertenti arie di Robert Stoltz e di Emmerich Kálmán.

Il 29 e il 30 luglio il palcoscenico del Prato delle Colonne ospiterà un appuntamento unico, nel quale gli appassionati del balletto potranno trovare riuniti i brani più belli e famosi del repertorio ottocentesco e novecentesco insieme ai migliori ballerini del momento. Un Galà di stelle che si raccoglie intorno a l’ètoile Roberto Bolle.
Un’occasione unica per ammirare, in una stessa soirée, sul medesimo palcoscenico e per di più approfittando della incomparabile bellezza del Giardino di Boboli, le più famose stelle del balletto moderno.

Dopo il successo dello scorso anno, Multipromo ripropone per la quarta edizione di OperaFestival all’Abbazia di San Galgano la grande musica.
Il calendario si aprirà il 27 giugno con il Flauto Magico di W. A. Mozart, che già nel 2008 aveva conquistato il consenso di critica e pubblico e registrato anche alcuni tutti esauriti. Le repliche saranno il 18 e 25 luglio.

Per la prima volta tra le magiche colonne dell’Abbazia, il 30 giugno, risuoneranno le note de “L’Histoire de Babar” di F. Poulenc insieme a quelle di “Pierino ed il Lupo” di S. Prokof’ev eseguite dall’Orchestra della Toscana diretta dal maestro Alessandro Pinzauti e come voce narrante l’insuperabile Paolo Poli.

Poi sarà la volta de Il Barbiere di Siviglia di G. Rossini (4 – 11 luglio; 1 agosto) ed il concerto dei Carmina Burana di C. Orff e Bolero di M. Ravel il 17 luglio con la direzione del maestro Gianluca Marcianò.

Quest’anno le mura incantate dell’Abbazia ospiteranno anche i big della musica leggera italiana: Ornella Vanoni il 24 luglio e Ivano Fossati il 7 agosto.

Nell’ambito dell’estate de La Versiliana, il 19 luglio, Carmina Burana di C. Orff e il Bolero di M. Ravel diretto dal maestro Gianluca Marcianò. Tutti gli spettacoli di Multipromo si avvalgono dell’orchestra e del coro di OperaFestival.

Ultime notizie

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Lucca

I candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Lucca: passano Puppa, Mercanti, Montemagni e Fantozzi

Fiera Scandicci 2020: più date in programma, gli eventi

Area espositiva più piccola, ma con maggiore tempo per visitarla. E poi stand tematici che cambiano di settimana in settimana. Le novità di Scandicci Fiera 2020 e gli appuntamenti

Paesi con divieto di ingresso in Italia: ecco quelli che non possono entrare

Solo i cittadini di certi paesi possono entrare in Italia senza restrizioni: per alcuni resta l'obbligo di quarantena, una quindicina i paesi bloccati

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Arezzo

Due esponenti per parte: uno ciascuno a Lega e a Fratelli d'Italia per il centrodestra, due al Partito democratico...