mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Eventi Una vita in cinque oggetti:...

Una vita in cinque oggetti: gli artisti si raccontano a Wunderkit Firenze

L'illustratore Francesco Zorzi ospite di Wunderkit Firenze, il ciclo di incontri dedicati agli "artigiani creativi" in programma a Impact Hub

-

Cinque oggetti per raccontare una vita d’artista. È questa la formula di Wunderkit, la rassegna mensile proposta da Impact Hub Firenze in collaborazione con Base Milano dedicata agli “artigiani creativi”, ognuno di loro chiamato a sintetizzare la propria vita e il proprio lavoro scegliendo cinque oggetti, ciascuno legato a ricordi, storie e ispirazioni. Ospite dell’incontro in programma martedì 11 febbraio sarà Francesco Zorzi, illustratore di fama internazionale che vive tra Firenze e New York.

Wunderkit Firenze, gli artisti si raccontano

Sul suo visto per gli Stati Uniti c’è scritto: “Alien with an extraordinary ability” ovvero “Alieno con straordinaria abilità”. È una classificazione che l’ufficio immigrazione americano riserva a coloro che dimostrano eccellenti risultati e riconoscimenti nel campo delle arti. Nel caso del toscano Francesco Zorzi, il riferimento è alla sua particolare abilità nell’ambito dell’illustrazione e della grafica, che recentemente gli è valsa l’inserimento nella prestigiosa pubblicazione annuale realizzata dall’American Illustration.

Francesco Zorzi, illustratore, è il protagonista del prossimo incontro di Wunderkit Firenze

 

Fedele ai suoi maestri (da Bruno Munari ad Albe Steiner, fino a Push Pin Studios, Paul Rand e Saul Bass), oggi i suoi lavori vengono pubblicati su importanti riviste come Monocle, The Wall Street Journal, Architectural Digest, The New York Observer, The Boston Globe e AdAge.

Francesco Zorzi – Shall I hire a publicist

Una vita, cinque oggetti

Figlio degli anni ’70, e da sempre amante di fumetti, cinema, musica e letteratura, si laurea in architettura e, dopo aver lavorato per quasi 18 anni nello studio creativo da lui co-fondato, intraprende la strada dell’illustratore indipendente e visual designer.

Attivo anche come direttore creativo, Francesco Zorzi si divide fra Firenze e New York e nell’estate 2018 realizza tutte le illustrazioni per l’identità visiva del “Lincoln Center Out Of Doors”, prestigioso festival newyorkese al quale hanno lavorato nomi storici della grafica.

Una serie di sue illustrazioni sono state inoltre pubblicate nel libro di Steven Heller e Lita Talarico, “Free Hand: New Typography Sketchbooks” e i suoi lavori pubblicati in “The Illustration Idea Book: Inspiration from 50 Masters” di Steven Heller e Gail Anderson.

È contributor artist per “Hemispheres”, la rivista della United Airlines, ed è professore di design alla Srisa di Firenze per la Sam Fox School of Design della Washington University di St. Louis.
Gli oggetti scelti da Francesco Zorzi saranno perlopiù legati al mondo dell’illustrazione e del design creativo e sveleranno tappe e momenti salienti del suo percorso artistico.
L’appuntamento avrà inizio alle ore 19. L’ingresso è libero previa registrazione su https://wunderkit_francesco-zorzi.eventbrite.it. I prossimi ospiti in calendario per Wunderkit sono la scrittrice Lia Piano (17 marzo) e la poetessa Giulia Martini (7 aprile).

Ultime notizie

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone