sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Fiorentina Cortina, parlano Prandelli e Corvino

Cortina, parlano Prandelli e Corvino

Il ds Pantaleo Corvino e mister Prandelli parlano dal ritiro di Cortina. Corvino: "Acquisti in tutti i reparti? Abbiamo un bel gruzzolo da parte. Cercheremo di spenderlo per cercare di colmare qualche piccola lacuna". Prandelli: "Basta poco per ritrovare la stessa alchimia. Sono fiducioso".

-

Corvino:

“Siamo all’inizio di un’altra stagione, la quinta. Ci vediamo per la prima volta ed è giusto fare una considerazione”. In questi quattro anni abbiamo fatto tantissimo e se ripercorriamo quello che è stato fatto siamo stati bravissimi. Siamo stati messi in discussione per quello che abbiamo fatto e per quello che dovremo fare. Servono più motivazioni, dall’ambiente ma anche da parte degli stessi giocatori. Ci hanno fatto vincere tante battaglie, ma questo può non servire; bisogna tirare fuori tutte le motivazioni possibili. Io voglio vincere sempre tutto ma la realtà va guardata in faccia. Questi quattro anni sono la fine di un ciclo. Non dobbiamo dimostrare niente, perchè abbiamo già dimostrato chi siamo. Abbiamo ottimizzato al meglio le risorse della società e non mi trovo d’accordo con chi dice che dobbiamo ancora dimostrare qualcosa. Con questo non dico che bisogna sforzarsi di meno. Continueremo a dimostrare di essere dei vincenti utilizzando le nostre risorse. Abbiamo un monte ingaggi di 20 milioni di euro e con una tale cifra abbiamo dimostrato di saper ottimizzare le risorse”.

“Acquisti in tutti i reparti? Abbiamo un bel gruzzolo da parte. Cercheremo di spenderlo per cercare di colmare qualche piccola lacuna. Spenderemo questo denaro con senso. Chi è sul mercato? Papa Waigo e Da Costa sono sul mercato. Nessun altro ha chiesto di essere ceduto valuteremo. Pasqual non è in vendita e rinnoverà. Che mercato è? E’ un mercato difficile. Qualndo hai un gruppo da rafforzare è facile portarlo a buon livello. Ma se il gruppo è già a un buon livello diventa difficile, quasi impossibile, migliorare ulteriormente questo gruppo. Ci proveremo. Non sono sicuro di potercela fare. Facendo delle valutazioni numeriche, per esempio, il reparto offensivo è da 8, la difesa da 6-. Il centrocampo da 7 quindi il reparto difensivo può essere quello da rafforzare maggiormente. 20 milioni di ero tutti investiti. Se non troveremo un difensore adatto per rafforzare il reparto più in difficoltà li spenderemo per migliorare ulteriormente  gli altri reparti. Se comprerei Felipe Melo a 25 milioni? Penso che il mio collega li ha spesi bene i soldi”.

Prandelli: 

“Voglio mandare un semplice messaggio conoscendo un po’ la città. Basta poco per ritrovare la stessa alchimia. Sono fiducioso. E’ partito un giocatore importante ma ne sono arrivati altri. Il mio lavoro è quello di ottimizzare le capacità dei miei giocatori. Gesto significativo che i nazionali siano voluti tornare prima. Solo Montolivo rientrerà più tardi perchè non ha la possibilità di prendere un areo prima. Se il divario con le grandi si è ingrandito? Inter e Juve si sono staccate. Hanno rafforzato il loro organico. Anche il Milan rimane una grande squadra. Tutto il resto è un posto aperto.”

“Il quarto posto sarà una meta ambita da tante squadre. Felipe Melo? Abbiamo valorizzato un capitale, lo abbiamo triplicato. Abbiamo nella nostra rosa due giocatori che potremo valorizzare altrettanto, ma non dico i nomi. I nuovi arrivi? Marchionni l’ho avuto a Parma. Riesce a fare bene la fase di non possesso e quella offensiva. Può giocare a destra e a sinistra. E’ un giocatore molto interessante. Natali l’ho avuto a Bergamo. Ha un gran personalità e andrà a migliorare il nostro reparto difensivo. Urgenza di rafforzare un reparto? Non c’è l’urgenza. Se arriverà qualche nuovo giocatore saremo contenti, ma cerchermo attraverso l’allenamento di migliorarci. Vargas esterno alto? Vargas può diventare uno dei più forti esterni giocando basso. Ci vogliono le condizioni giuste. Il ragazzo ha smaltito le critiche anche perchè il tifoso lo ha visto con occhi diversi. La partenza di Melo può cambiare la strategia tattica? Ripartiamo dal 4-2-3-1. Durante il corso della partita possimo fare qualche modifica senza stravolgere comunque l’assetto. Viste le caratteristiche della rosa credo che sia la soluzione più giusta”.

Ultime notizie

Fiorentina a caccia della vittoria. Al Franchi arriva l’Udinese

L'anteprima di Fiorentina - Udinese in programma al Franchi domenica 25 ottobre alle 18: le probabili formazioni

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito