martedì, 24 Novembre 2020
Home Sezioni Fiorentina "Sono rimasto per giocarmi il...

“Sono rimasto per giocarmi il posto”

Doveva partire, invece è rimasto ed ora è convinto della scelta fatta. Dopo l'ampia parentesi delle Nazionali, domenica torna il campionato, e in vista della gara tra Lecce e Fiorentina parla Marco Donadel. "Sono convinto di quello che posso dare qui e ho deciso di rimanere. E voglio mettermi alla prova con un nuovo mister".

-

In molti lo davano in partenza, invece lui è rimasto. E ora vuole giocarsi il posto (“senza polemiche”) in un centrocampo, quello viola, che durante l’estate si è rinforzato con l’arrivo di D’Agostino. Marco Donadel parla alla stampa in vista della gara di Lecce, in programma domenica per la seconda giornata di campionato, dopo l’ampia parentesi delle Nazionali.

LA SCELTA. Le sue parole partono proprio da qui, dalla sua mancata partenza. “Durante l’estate ho pensato che andare via da qui sarebbe stato pesante, quindi sono convinto di quello che posso dare e ho deciso di rimanere. Volevo anche mettermi alla prova con un nuovo mister. Per ora mi trovo bene e mi giocherò il posto senza polemiche. Il mio obiettivo è convincere il direttore Corvino a restare qui. A fine anno mi scadrà il contratto, ma io spero che il mio rapporto con la Fiorentina continui”, spiega il biondo centrocampista. Che sul suo futuro, dunque, sembra avere le idee molto chiare.

COMPAGNI. Poi Donadel parla anche di alcuni compagni: “Riccardo Montolivo è una pedina importante, ma non entro nel merito dei rapporti tra società e giocatore. Mutu? Sono sicuro che ci darà tanto”.

OBIETTIVI. Ma quali sono gli obiettivi della Fiorentina? “Vogliamo dimostrare che preparando una gara ogni sei-sette giorni con i giocatori che sono rimasti, campioni che vogliono dare tanto, possiamo fare una grande stagione – risponde – il divario con le grandi c’è sempre, ma secondo me sono proprio le ‘big’ che hanno capito che devono cambiare rotta, dare spazio ai giovani e crescere”.

CARATTERE. Come vede la nuova Fiorentina? “Abbiamo capito che non bisogna mai mollare. Possiamo anche perdere gli scontri diretti per la Champions, ma sono convinto che la classifica rimarrà corta e quindi ogni gara sarà importante per fare punti utili. Abbiamo l’esperienza per andare su qualsiasi campo e giocarsela. Vedo la Proprietà presente e questo dà orgoglio e sicurezza. Molti dei miei compagni sono nel pieno della maturità e sono convinto che potremo fare molto bene. Non abbiamo paura di Milan, Inter o Juve – conclude Donadel – questa è la mentalità giusta”.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid Toscana 24 novembre: contagi sotto quota 1.000. I dati del bollettino

Giù nuovi contagi, ricoverati e persone attualmente positive. Resta alto il numero dei morti. I principali del del bollettino Covid della Regione Toscana, aggiornato al 24 novembre 2020

Dove si può viaggiare nonostante il Covid

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare e le regole in vigore fino al 3 dicembre

Buoni spesa del Comune di Firenze: nuovo bonus Covid da 500 euro

In arrivo le risorse del decreto ristori ter per aiutare le famiglie in difficoltà: "presto il bando con i requisiti dei buoni spesa", dice il sindaco di Firenze