mercoledì, 8 Aprile 2020
Home Sezioni Lavoro & Economia Coopstartup Toscana, scadenza prorogata al...

Coopstartup Toscana, scadenza prorogata al 31 marzo 2019

Tre premi ordinari e due speciali, per un valore complessivo di 65mila euro. Per tutti gli iscritti, subito la formazione gratuita sulla piattaforma “10 steps and Go”

-

È stata prorogata al 31 marzo 2019 la scadenza per partecipare alla prima edizione di Coopstartup Toscana, il programma di formazione e tutoraggio promosso da Legacoop Toscana e Coopfond che punta a favorire l’occupazione giovanile accompagnando lo sviluppo di idee imprenditoriali innovative.

La “call for ideas” (candidature online sulla piattaforma www.coopstartup.it/toscana) chiama a raccolta gruppi di almeno 3 persone (in maggioranza di età inferiore a 40 anni) che intendano costituire una cooperativa con sede in Toscana e cooperative costituitesi nel corso del 2018 (con una maggioranza di soci sotto i 40 anni). Cinque i premi finali – 3 ordinari e 2 speciali – per un valore complessivo di 65mila euro, che saranno assegnati a settembre 2019.

Le selezioni e il programma di formazione

Tutti i gruppi e le neocooperative che si iscriveranno al bando potranno partecipare subito a un programma di formazione gratuito sulla piattaforma di e-learning “10 steps and Go”, per acquisire conoscenze e competenze di base per la creazione di start up cooperative.
I 10 team che supereranno la prima selezione accederanno a un percorso per trasformare l’idea iniziale in progetto di impresa: un corso di formazione in aula sulla gestione d’impresa, un affiancamento personalizzato con un tutor per la realizzazione del business plan e l’accompagnamento alla costituzione in cooperativa da parte di Legacoop Toscana (anche se non rientreranno tra i progetti vincenti). Tra i progetti d’impresa presentati, ne verranno selezionati 5 (3 per i premi ordinari e 2 per quelli speciali).

I premi ordinari

I 3 premi ordinari consisteranno in contributi a fondo perduto da 15mila euro ciascuno per l’avvio dell’impresa cooperativa. Gli ambiti suggeriti per la presentazione delle proposte sono: Salute, cambiamenti demografici e benessere; Sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima e bioeconomia; Energia sicura, pulita ed efficiente; Trasporti intelligenti, ecologici e integrati; Azione per il clima, efficienza delle risorse e materie prime; Società inclusive, innovative e sicure; Salvaguardia e fruibilità del patrimonio storico, artistico, culturale, naturalistico e paesaggistico; Promozione e valorizzazione turistica del territorio.

… e i premi speciali

Per i 2 premi speciali, da 10mila euro l’uno, le proposte dovranno invece riguardare: il recupero di terreni incolti o di aziende agricole inattive e il sostegno del passaggio generazionale nelle aziende agricole (grazie al supporto di Flora Toscana); innovazioni nella produzione, trasformazione e commercializzazione dei salumi oppure cooperative che decidano di operare sul territorio del Monte Amiata (grazie al supporto di GSI-Casa Modena).

Coopstartup Toscana vede il patrocinio di Regione Toscana, Anci Toscana e Università di Firenze, di Pisa e di Siena, il sostegno di Fondazione Noi Legacoop Toscana, Gruppo Unipol e Assicoop Toscana e il coinvolgimento di 20 cooperative provenienti da tutte le province toscane.

Ultime notizie

Coronavirus, come e quando usare le mascherine (senza rischio)

Non bisogna solo metterle, ma anche utilizzarle in modo appropriato. Un volantino spiega come indossarle e toglierle senza incappare nel rischio di infezione

Il pranzo di Pasqua è a domicilio: il menu dei ristoranti di Firenze

Il classico agnello, le proposte di mare, le ricette della tradizione. Il pranzo pasquale arriva direttamente a casa, ecco dove ordinare

Coronavirus in Toscana: la mappa del contagio e le ultime notizie (8 aprile)

Le ultime notizie sul contagio da coronavirus in Toscana: la mappa, il numero dei casi, i dati per provincia

Ceretta, gel unghie e pulizia del viso (a casa): i consigli dell’estetista

Dal viso, alle mani secche fino alle parti intime: le risposte per le "emergenze di bellezza" più comuni, in attesa che i centri estetici riaprano