martedì, 27 Settembre 2022
HomeSezioniTendenzeSicilia tra le eccellenze d’Italia...

Sicilia tra le eccellenze d’Italia per il turismo archeologico 

-

Pubblicità

L’Italia è una nazione che comprende innumerevoli bellezze della natura, prime tra tutte le sue grandi e piccole isole che si trovano per la maggior parte nel Mediterraneo. Isole abitate e isolette incontaminate, da scoprire e da vivere a pieno.

Le principali isole d’Italia, la Sicilia e la Sardegna, comprendono al loro interno un patrimonio storico-culturale immenso, da conoscere e da vivere durante una vacanza estiva o durante le mezze stagioni. Entrambe le isole sono perfettamente collegate da traghetti e dalle principali compagnie aeree, in particolare è molto attivo il traffico di traghetti da e verso i principali porti, come la nave Livorno Palermo che vanta di numerose tratte disponibili.

La Sicilia tra le realtà più importanti del Mediterraneo per il turismo archeologico

Pubblicità

L’offerta turistica della Sicilia è invidiata da molti paesi, perché grazie alle numerose attrazioni archeologiche, naturali, storiche e culturali è in grado di attirare a sé milioni di turisti ogni anno, provenienti da tutto il mondo.

Di questo si è parlato anche durante il grande evento tenutesi a Paestum lo scorso novembre, “Borsa Mediterranea del Turismo archeologico”, in cui sono state affrontate tutte le principali tematiche per incrementare ulteriormente la valorizzazione dell’offerta turistica.

Pubblicità

La Sicilia conta più di 25 itinerari turistici differenti e 14 parchi archeologici che rappresentano degli autentici punti di riferimento a livello internazionale. Alcune di queste aeree sono una testimonianza del passato, di epoche storiche molto antiche.

Questi itinerari verranno ulteriormente aggiornati dopo le 75 campagne di scavo concluse tra il 2020-2021 e molte delle testimonianze preziose ritrovate sono già state distribuite ai principali musei, alle Università e alle organizzazioni internazionali presenti su tutto il territorio regionale, attraverso speciali convenzioni.

Perché la Sicilia è un luogo di eccellenza nazionale per il turismo

Pubblicità

I numeri parlano da soli, la Sicilia è una delle più grandi aeree nazionali a contenere una l’enorme quantità di reperti archeologici dislocati su tutta l’isola e custoditi in modo eccellente tra le zone marittime, all’interno dei più grandi musei e tra le mura delle principali città come Palermo.

La valorizzazione dell’offerta turistica è un punto cruciale per far scoprire questo immenso tesoro ai milioni di turisti che ogni anno, durante la stagione estiva, si apprestano ad ammirare tutte le principali attrazioni dell’isola.

Attualmente, come affermato dall’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà, la regione è pronta a realizzare una nuova strategia volta a valorizzare l’inestimabile patrimonio archeologico siciliano. Solo con una strategia efficiente che diversifica e incrementa l’offerta turistica archeologica, è possibile confermarsi come una meta cruciale d’Europa.

Il Governo regionale è quindi pronto ad investire una grande fetta del budget disponibile per l’ammodernamento e la competitività dei musei siciliani e dei Parchi archeologici. Ad oggi, come affermato anche dall’assessore regionale, il numero di ingressi nei parchi archeologici e nei musei regionali è molto alto, anche durante l’assenza di turismo organizzato.

L’elevato numero di ingressi ottenuti in questi anni dimostra, quindi, il forte interesse dei turisti nei confronti dell’archeologia siciliana. Non resta che aspettare l’inizio di questa nuova estate per scoprire tutte le novità dell’offerta turistica regionale.

Pubblicità

Ultime notizie