venerdì 22 giugno 2018

Vendemmia 2017 in Toscana: previsioni agrodolci

Per l’annata 2017 dagli scaffali scompariranno in media 2 bottiglie su 5. Siccità e gran caldo hanno ''ristretto'' la vendemmia in Toscana. le previsioni sul vino che sarà
Vendemmia 2017 Toscana

Il bicchiere è mezzo vuoto. Il 2017 in Toscana sarà ricordato per la vendemmia agrodolce: aspra se guardiamo la quantità, crollata a causa della siccità e delle temperature roventi, dolce per la qualità dell’uva, con il caldo che ha fatto terra bruciata intorno ai killer degli acini, come parassiti e malattie.

Vendemmia 2017 in Toscana

Le piogge di inizio settembre hanno poi spostato in extremis il livello della qualità verso l’alto. Quest'anno la raccolta in vigna, partita a “scoppio anticipato”, ma una cosa fin dall’inizio è parsa chiara: c’è poco da brindare. Per l’annata 2017 dagli scaffali scompariranno in media 2 bottiglie su 5.

“Abbiamo avuto delle uve splendide, sane come non mai, i vini saranno belli coloriti e corposi, il problema vero è la quantità – avverte Giovanni Busi, presidente del Consorzio Vino Chianti - abbiamo registrato in media il 30% in meno di produzione con punte del 40”. Tutto questo spingerà su i
prezzi: secondo il borsino del vino si potrebbero avere aumenti fino al 10% sul prodotto finito.

Il vino che sarà (e il clima impazzito)

Un altro Consorzio, quello del Chianti Classico, dà una preview del vino che sarà. “Abbiamo delle gradazioni potenziali piuttosto importanti – anticipa Sergio Zingarelli, presidente del Gallo Nero - probabilmente si otterranno vini di grande piacevolezza ed equilibrio. Per la parte aromatica bisognerà
aspettare”. E ora si guarda al futuro perché le condizioni climatiche estreme non sembrano un’eccezione ma la regola.

Secondo Zingarelli bisogna tornare a creare laghi in collina, casseforti d’acqua per la siccità. “Va ripensata l’irrigazione, vanno introdotti nuovi vitigni – aggiunge Busi del Consorzio Vino Chianti – in altre regioni già vengono testate piante resistenti alle malattie o alla siccità”. In conclusione, però, guardiamo il bicchiere mezzo pieno: quest’inverno potremo consolarci con il vino 2016, annata eccezionale secondo gli intenditori.

5 ottobre 2017
articoli correlati

A Firenze il ristorante per sportivi (e patiti della dieta)

Nella zona del Cavallaccio, ha aperto un ristorante per salutisti e e sportivi: nel menù sono scritte le informazioni nutrizionali, i piatti sono a basso contenuti di grassi e carboidrati e anche i cocktail sono 'slim'

Tra ristoranti e aperitivi, viaggio in Borgo La Croce

Tutto in una via: meno di 400 metri di strada ma tante attività, tra negozi e locali dove mangiare. Siamo andati a curiosare tra i nuovi arrivi di Borgo La Croce

I migliori posti dove bere un tè a Firenze

Chiamatele teerie o con il termine inglese tea house. A Firenze esistono tanti luoghi dove bere una buona tazza di tè in compagnia e anche tra i libri. La nostra 'mappa' per i cultori del genere
quartieri di firenze
Primo piano

Voli low cost, le novità da Pisa e Firenze

Nuovi collegamenti e potenziamento delle rotte già esistenti. Ecco come gli aeroporti toscani di Firenze e Pisa si sono preparati per l'estate 2018
news
Zoom
Agenda
Dai quartieri
Area metropolitana
Focus

Dichiarazione dei redditi, istruzioni per l'uso

Le scadenze, quale modello presentare e quali documenti portare. Piccola guida alla compilazione del 730 e del modello Unico 2018 

Estate Fiorentina 2018: gli eventi da non perdere

Dal centro alla periferia. Ecco la nostra mini-guida per districarsi nel lungo cartellone dell’Estate Fiorentina che andrà avanti fino a ottobre Firenze: date, luoghi e protagonisti

Eventi sotto le stelle ad Arcetri

14 serate per parlare di astronomia e fisica, ma anche per ascoltare musica, assistere a spettacoli, partecipare ad aperitivi e osservare il cielo. Tornano le Notti d'estate ad Arcetri: il programma 2018

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina