Più di 30 varianti e taglieri lunghi fino a 2 metri: in via de’ Macci 77/r nasce “Johnny Bruschetta”, bistrot che – come suggerisce il nome – serve quasi esclusivamente bruschette, facendo della merenda dei nostri nonni il piatto forte, rivisto, corretto e servito in oltre trenta varianti.

i taglieri

Pane toscano, olio extravergine d’oliva e ingredienti freschi e di stagione: questi i protagonisti nel nuovo locale, a due passi da piazza Sant’Ambrogio, che ricorda un colorato appartamento, suddiviso in camera, cucina e sala da pranzo.

Il format vuol abbinare la semplicità della cucina tradizionale fiorentina a gusto e ritmi tipicamente contemporanei. Le bruschette vengono servite su lunghi taglieri da 40, 80 o 120 cm, fino a 2 metri, formato da condividere con gli amici o i colleghi e sfiziosa alternativa alla più classica pizza.

Nel nome della Toscana

Ogni variante porta il nome di una cittadina toscana, così ad esempio la Bruschetta San Miniato profuma di tartufo e la San Gimignano è lastricata di crudo e pomodorini. Immancabili i taglieri di salumi toscani, pecorini con confetture, verdure di stagione oltre a coccoli, stracchino e prosciutto.

il menu

In alternativa si potrà anche scegliere un primo piatto di pasta fresca fatta in casa o una zuppa, da accompagnare a vini al calice o in bottiglia, birra o cocktail. Nessun secondo piatto sul menu, almeno per il momento. Per concludere in bellezza, invece, una ricca selezione di dolci, tutti rigorosamente artigianali.

da Firenze a Londra

Una scelta che rende Johnny Bruschetta una meta per pranzi veloci, cene in compagnia o spuntini tardivi. Con un occhio rivolto anche all’estero: i proprietari del locale hanno già avviato le trattative per aprire un’altra bruschetteria a Londra entro la fine dell’anno.