Storie di persone, storie di passione che uniscono generazioni e portano avanti saperi. Grazie a chi ci crede ancora, animato dalla stessa dedizione dei fondatori, abbiamo scovato alcune storie di artigianato.

La magia delle piume parla fiorentino attraverso l’alto artigianato di Mazzanti Piume. Sono soltanto 3 in tutta Europa. Due sono nella provincia di Firenze, l’altro a Parigi presso Chanel. Duccio Mazzanti, figlio di Maurizio, è oggi alla guida dell’azienda che esporta talento Made in Italy in tutto il mondo.

Dalle passerelle internazionali ai magici film della Disney, la leggerezza e l’estrema evanescenza di questo simbolo nasce nella storia come segno di potere che l’uomo primitivo usò per distinguersi dai suoi simili auto eleggendosi re. Duccio con umiltà ci spiega che l’artigianato non è morto ma che occorre trovare una chiave di lettura per sdoganarlo dalle vecchie concezioni legate all’anziano artigiano in bottega.

Guarda la gallery

L'arte della leggerezza

“Oggi occorre far passare il messaggio che lavorare con le mani ed essere operaio è bello. Noi siamo il paese degli artigiani, bisogna ricordarselo più spesso”. Mazzanti crede fermamente nelle formazione. Ospita ogni anno studenti dando loro la possibilità di imparare come si lavora e di sviluppare la propria idea creativa.

Galleria Romanelli e il “padre” dei busti

C’è chi realizza la sua passione ogni giorno e non cambierebbe questo lavoro per niente al mondo. Raffaello Romanelli, classe 1980, scultore da generazioni della Galleria Romanelli a due passi da porta San Frediano. “L’artigianato, ci racconta, non sta vivendo un bel momento perché non riesce a passare dal vecchio al giovane, così vengono perse un sacco di informazioni utili e il settore è penalizzato con tasse e troppa burocrazia. Penso sia fondamentale trasmettere conoscenza e la formazione è l’aspetto che amo di più del mio lavoro. Oggi ho con me nello studio una ragazza di Verona; per fortuna ci sono ancora italiani che si riscoprono artigiani”.

L’ultimo lavoro di Raffaello è il busto di Salvatore Ferragamo. L’angelo e il bambino, invece, è all’interno della gipsoteca della galleria il pezzo al quale Raffaello è più affezionato e che fu realizzato dal suo trisnonno.

Hogwarts del cuoio (a Santa Croce)

La formazione e il passaggio della conoscenza alle giovani generazioni sono da sempre gli imperativi della Scuola del Cuoio progetto custodito dal 1950 e fondato da Marcello Gori nel cuore della Basilica di Santa Croce all’interno dell’antico noviziato. Nel corridoio da dove si diramano quelle che erano le celle dormitorio dei frati francescani lavorano sui banchi originali ancora oggi gli artigiani, quasi tutti ex allievi dalla Scuola.

La sensazione che ti assale quando  si entra è quella di essere in un posto magico, un po’ come alla Hogwarts di Harry Potter. La Scuola ospita ogni anno studenti provenienti da tutto il mondo. Solo 5 italiani su 40 durante l’ultimo semestre provenienti per la maggior parte da Corea del Sud, Giappone, USA, Israele, Australia e Brasile.

Tutti i corsi trattano la costruzione di borse da zero e non è richiesta nessuna esperienza. Tutti i ragazzi al termine del corso sono chiamati a realizzare il loro modello originale e il più creativo si aggiudica uno stage di due mesi all’interno della produzione.