sabato, 20 Agosto 2022
HomeSezioniArte & CulturaAll'Aria Art Gallery arriva "Silente"

All’Aria Art Gallery arriva “Silente”

Sabato 23 ottobre, alla galleria di Borgo Ss. Apostoli, sarà inaugurata la mostra personale di Karen Wilberding Diefenbach. Sculture, dipinti e disegni che ritraggono la flora e la fauna della campagna toscana con sensibilità visionaria e contemporanea.

-

Pubblicità

Karen Wilberding Diefenbach “sbarca” all’Aria Art Gallery di Firenze con la mostra personale “Silente”, dipinti e disegni che ritraggono la flora e la fauna della campagna toscana con sensibilità visionaria e contemporanea. Sculture, soggetti prosaici divengono dunque simboli di un percorso emotivo e riflessivo che l’artista attua per far fermare un attimo lo spettatore.

L’INAUGURAZIONE. L’inaugurazione è in programma sabato 23 ottobre alle 18 negli spazi della galleria in borgo Ss. Apostoli 40r, mentre la mostra proseguirà poi fino al 12 dicembre.

Pubblicità

Questa la presentazione della mostra:

“Immaginate una donna, un’artista che ha vissuto per anni nei luoghi più frenetici, che si ri-trova un giorno d’estate in una casa colonica nei pressi di Camaiore, completamente avvolta da un inaspettato scenario bucolico, affascinante nel suo essere così lontano dal mondo metropolitano.
Ecco l’esperienza autobiografica che ha ispirato, da dieci anni a questa parte, le creazioni di Karen  Wilberding Diefenbach. Un’artista che è nata e ha compiuto la propria formazione negli Stati Uniti, e che è rimasta incantata dalla campagna toscana. L’ambiente agreste – fatto di greggi di pecore, di maestosi noci, di antichi alberi di olivo… – è entrato a far parte della sua vita. Colpita dal trascorrere del tempo naturale, scandito dai bioritmi delle stagioni, da quelle figure di animali e piante che sembrano esplicare un’eternità perduta, la Diefenbach ha fin da subito iniziato a rendere opera artistica questa sua visione immaginifica.

Pubblicità

Da quel senso di meraviglia sono nate le sculture in bronzo, realizzate con perizia artigiana, passando dal bassorilievo allo spessore volumetrico, e le opere su carta o su tela, dove le forme vegetali e animali sembrano prender vita quasi spontaneamente. Con questa mostra, i visitatori potranno rivivere un senso primigenio della vita, attraverso soggetti così reali, eppure così lontani, oramai, dall’immaginario collettivo. La visione di queste opere sarà però anche un percorso emotivo e riflessivo, perché l’artista non è tanto interessata alla resa realistica, quanto a far fermare un attimo colui che guarda. Per questo motivo, le bronzee pecore presentano il collo enfaticamente allungato, le forme nodose e lineari sono accentuate, così da rinstaurare quel dialogo estetico e concettuale con gli alberi dai lunghi rami che abitano le colline. Importanti sono i titoli, ripresi dalle notazioni musicali: Adagio, Nobile…perché spingono ad innescare un preciso stato d’animo. Lo spettatore dovrà, infatti, rendersi partecipe di un senso esistenziale: tra eternità ed evanescenza, nobiltà e mestizia, umile accettazione e austero contenimento, dovrà fermare per un attimo il flusso del divenire per recuperare il senso temporale e naturale dello stare al mondo”.

INFORMAZIONI. Per informazioni: Aria art gallery, Borgo SS. Apostoli, 40r Firenze. Telefono: 055-216050, mail: [email protected]

Pubblicità

Ultime notizie