Un giovane operatore (Karlheinz Böhm) uccide delle donne e filma con una cinepresa i loro ultimi istanti di vita cercando di catturare l’orrore estremo, mentre uno specchio permette alla vittima di osservarsi mentre muore.

Il film di Powell fu distrutto dalla stampa inglese, massacrato dalla censura e scomparve dalle sale fino a che Martin Scorsese non riuscì nel 1978 a restituirlo al suo antico splendore e a riportare l’attenzione sul suo regista. Ingresso con tessera dell’associazione il Gigante, costo 8 euro e valevole per tutto il ciclo, da richiedersi presso Villa Arrivabene, piazza Alberti 1a. Info: 055 2767828.