sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Gli scout diventano "trasgressivi"

Gli scout diventano “trasgressivi”

ricerca tra gli scout: alcol e sesso sono accettati da molti di loro

-

La ricerca è stata realizzata nell’ambito dell’evento scout internazionale Roverway 2006. I risultati sono stati presentati nella Sala Giordano di Palazzo Medici Riccardi. L’indagine aiuta a capire i ragazzi di oggi, che sempre più vivono il multiculturalismo e l’identità europea, oltre a quella di origine. Il motto di Roverway era «Dare to share – Osare la condivisione». Anche per fare un’Europa degna di questo nome, l’Europa dei popoli, c’è bisogno di osare la condivisione, la conoscenza e la fiducia in altre culture e stili di vita.

Hanno parlato di Roverway e della ricerca, oltre al Presidente della Provincia di Firenze, anche Laura Galimberti, project leader di Roverway, Alessandra Maggi, presidente Istituto Innocenti, Enrico Moretti, Istituto degli Innocenti, Maria Rita Mancaniello, pedagogista e capo scout Agesci, Chiara Barlucchi, ricercatrice Istituto degli Innocenti e capo scout Agesci, Donatella Bozzi, docente di Economia politica e capo scout Cngei. Sono intervenuti anche Pier Virgilio Dastoli, Direttore Rappresentanza Commissione Europea in Italia, e Chiara Sapigni, Presidente Federazione Italiana Scautismo.

Il campione della ricerca è formato da 2.522 giovani scout provenienti da 25 paesi europei e iscritti a 39 diverse associazioni scout, di età compresa tra i 16 e i 21 anni. Il questionario è stato diffuso in 5 lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese). Il 45,6% degli intervistati è italiano. Seguono Portogallo e Spagna, rispettivamente con il 16,7% e l’11,1% del totale. Sono stati sentiti 1.284 maschi e 1.238 femmine.

Le sezioni del questionario erano: “l’esperienza scout”; “religiosità e spiritualità”; “etica e legalità”; “partecipazione sociale e fiducia nelle istituzioni”; “consumi e stili di vita”; “futuro”.

Esperienza scout. Lo scoutismo si conferma una valida scuola di vita: insegna ad agire, a mettersi alla prova, ad affrontare i problemi e a stare insieme e cooperare, nel gruppo e nella società. Per i 3/4 degli intervistati essere scout significa “saper essere servizievoli verso il prossimo” e per i 2/3 “saper vivere e lavorare in gruppo”. Tra le motivazioni dell’essere scout, al primo posto, spicca “mettersi alla prova”, seguito da “il divertimento”, il “mettersi al servizio degli altri” e “imparare cose nuove”. Seguono le motivazioni del gioco, del rapporto con la natura e dell’avventura.

Religiosità e spiritualità. In questa sezione si è indagato il rapporto con la fede. Quasi il 50% del campione è credente, il 16% si dichiara “in ricerca” il 15% dice di essere credente ma di non riconoscersi in nessuna confessione religiosa. L’81% del campione è cattolico.

Etica e legalità
. Quasi l’82% ritiene possibile ubriacarsi, il 47% fumare marijuana, oltre il 90% accetta il sesso prematrimoniale e più del 42% non esclude di poter far sesso con una persona sposata. Questa apertura verso la trasgressione si allinea in realtà agli atteggiamenti prevalenti anche nel mondo giovanile non scout e dominanti nella cultura contemporanea dove è un dato di fatto la relatività dell’etica e del senso di legalità. Il 39% non esclude di poter abortire, mentre quasi il 91% pensa di poter usare materiale digitale piratato.

Partecipazione sociale e fiducia nelle istituzioni. Gli scout europei si sentono per il 50% prevalentemente legati alla nazione e alla città di provenienza e, solo in seconda istanza, si proietta sull’essere cittadini del mondo (48%) e poi di Europa (39%). Un atteggiamento non lontano da quello dei giovani non scout dato che, secondo l’Eurobarometro, i ragazzi vivono l’Europa come una patria di secondo livello ma alla quale guardano con interesse crescente.

Tanti sembrano essere delusi dalla politica: il 30% non ha nessuna fiducia nei partiti, il 20% non ne ha nei funzionari dello stato e nei militari, il 42,5% non ha fiducia nei politici. Al contrario, i giovani continuano a riporre fiducia nella famiglia, oltre il 70%, nei loro capi scout, il 35% e negli scienziati, il 20%.

Consumi e stili di vita
. L’86% del campione possiede il cellulare e il pc, oltre il 70% hanno lettori dvd e videoregistratori. Il 44% vorrebbe avere una macchina, il 35% il computer portatile. Il 44% degli intervistati legge il giornale tutti i giorni. Il 5,3% va a un concerto ogni settimana, mentre il 15% non ci va mai. Il 40% esce di casa da solo la sera più volte alla settimana.

Futuro. Guardando al futuro i giovani europei appaiono consapevoli e disincantati, più di 1 su 4 si dichiara preoccupato, ma 2 su 3 sono pronti a rimboccarsi le maniche per poter avere un lavoro realizzante e socialmente utile. L’impegno sociale porta quasi la metà degli scout a fare esperienze di volontariato anche in altre associazioni e conferma la marcia in più che lo scoutismo riesce a dare ai giovani.

Ultime notizie

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito

AAA cercasi idee per il Fantafondo di via Rocca Tedalda

Il centro Fantafondo di Rovezzano lancia un progetto di aggregazione attraverso lo sport. Dedicato a tutto il quartiere