L’iniziativa è promossa da “Libera” in collaborazione con “Avviso Pubblico”, associazione di enti locali e regionali per la formazione civile contro le mafie, a cui il comune di Firenze ha aderito nel giugno del 2007 anche in virtù del lavoro e della stretta collaborazione che ormai da qualche anno sta stringendo con alcuni comuni della locride.

Il programma dell’iniziativa si divide in due giornate. Il 14 marzo si svolgerà a Bitonto, in provincia di Bari, una riunione nazionale di “Avviso pubblico” dove il Comune di Firenze parteciperà sollecitando i mezzi di informazione a mettere in evidenza gli aspetti positivi e le scelte virtuose degli amministratori dei territori dove esistono infiltrazioni mafiose e non soltanto le stragi e i morti.

Un altro obiettivo che sarà posto all’attenzione durante la riunione è la proposta di svolgere l’assemblea nazionale dell’Anci nella locride anche per far sì che altri enti possano seguire la linea intrapresa dal Comune di Firenze stringendo patti di amicizia con i Comuni che subiscono maggiormente la pressione della crriminalità organizzata di stampo mafioso. E ancora la proposta di inserire negli statuti dei Comuni un articolo che impegni l’ente a dichiararsi parte civile nei processi di mafia.

Sabato 15, infine, a partire dalle 9 si terrà la manifestazione e il corteo sfilerà nel centro storico del capoluogo pugliese scandendo uno a uno i nomi delle vittime. In occasione della presenza alla manifestazione in ricordo delle vittime di tutte le mafie, il presidente del consiglio comunale visiterà, accompagnato dall’assessore all’economia del Comune di Bari, una sala cinematografica dov’è stato realizzato un progetto di abbattimento delle barriere per i non vedenti e non udenti.