domenica, 31 Maggio 2020
Home Sezioni Arte & Cultura La Cina è a Palazzo...

La Cina è a Palazzo Strozzi

-

L’esposizione presenterà le opere di 15 artisti contemporanei cinesi, provenienti da tre differenti realtà metropolitane, Pechino, Shanghai, Canton, legati da una comune ricerca di un’identità culturale autoctona indipendente dalle regole del mercato globale.

Il progetto si sviluppa su tre fasi ben distinte ma complementari: una mostra, una pubblicazione e un programma di letture e vuole essere l‘ideale proseguimento della mostra sulla Cina antica presentata nello stesso periodo nel piano nobile di Palazzo Strozzi, dedicata alla dinastia Tang, epoca storica, definita come uno dei periodi cardine del Rinascimento cinese.

La mostra sarà aperta dal martedì alla domenica dalle 10,00 alle 22,00 il giovedì fino alle 23,00. Il lunedì è il giorno di chiusura.

Il costo del biglietto è di 5,00 euro (valido per 5 ingressi in 1 mese, comprese le letture) ma sono previste riduzioni per i possessori di biglietto o abbonamento ATAF, per i soci del Touring Club, per le scuole primarie e secondarie. Per il doppio ingresso alle due mostre ospitate a Palazzo Strozzi, il biglietto cumulativo è di 10,00 euro.

Per ulteriori informazioni, telefono 055/2645155 oppure www.strozzina.it oppure www.palazzostrozzi.org.

Ultime notizie

Mascherine gratuite, in Toscana la distribuzione si sposta in edicola

Stop alla distribuzione nelle farmacie, dal 5 giugno le mascherine gratuite si trovano in edicola: come funziona e quante ne spetta a testa

Centri estivi 2020, le linee guida della Regione Toscana

Dal distanziamento al numero di operatori, ecco le linee guida 2020 per i gestori di centri estivi in Toscana: l'ordinanza 61 della Regione

Centri estivi 2020 del Comune di Firenze, iscrizione al via

Sono 28 i centri estivi organizzati dal Comune di Firenze nei cinque Quartieri: domande di iscrizione online dal 1° all'8 giugno

Spiagge libere, le regole per l’estate 2020 della Regione Toscana

Mascherina, distanza tra gli ombrelloni ma niente prenotazione: l'ordinanza 61 della Regione Toscana detta le regole per le spiagge libere