martedì, 20 Ottobre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Natalia Goncharova a Firenze: 5...

Natalia Goncharova a Firenze: 5 buoni motivi per vedere la mostra

Ribelle, irriverente, in anticipo sui tempi, scandalosa. Palazzo Strozzi celebra il genio dell’artista russa. Alcune curiosità sull'evento espositivo

-

Palazzo Strozzi celebra Natalia Goncharova, straordinaria figura femminile delle avanguardie di primo Novecento, con la grande mostra monografica in programma a Firenze fino al 12 gennaio 2020.

Sfidando la pubblica morale, Natalia Goncharova è stata la prima donna ad aver esposto dipinti raffiguranti nudi femminili, e per questa ragione accusata e processata. Eroina dell’avanguardia russa, ha vissuto come esule a Parigi per poter continuare a lavorare senza costrizioni. La sua arte è un mix potente fatto di tradizione e innovazione, Oriente e Occidente, rendendo la propria opera un esempio unico di sperimentazione tra stili e generi artistici.

L’esposizione a lei dedicata esalta le doti poliedriche di Natalia Goncharova attraverso un viaggio per immagini tra la campagna russa dove è cresciuta, Mosca dove si è formata, e Parigi dove ha scelto di vivere. Irene Guidi, storica dell’arte e collaboratrice della Cooperativa Sigma che cura le visite guidate alla mostra, ci dà cinque motivi per non perderla.

1. Faccia a faccia con una ribelle

Il primo motivo per visitare la mostra è che entrerete in contatto con una donna ribelle, una vera e propria enfant terribile dell’avanguardia, la cui straordinaria vivacità ha dato luogo a un’arte originale e innovativa.

2. Le opere di Natalia Goncharova in mostra a Firenze

Il percorso ospita 130 opere arrivate in prestito da importanti collezioni e istituti internazionali: da musei russi quali la Galleria Tretyakov di Mosca e il Museo Statale Russo di San Pietroburgo, e dalle collezioni della Tate, della National Gallery, della Estorick Collection e del Victoria and Albert Museum di Londra. Ma non mancano opere in prestito da istituzioni italiane come i milanesi Museo del Novecento e il Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco, oltre che dal Mart di Rovereto. In più, c’è la possibilità di ammirare, anch’essi in mostra, quadri di Cèzanne, Gauguin, Matisse e Picasso.

3. Una donna anticonformista

Natalia Goncharova è stata dirompente per la morale della sua epoca, vivendo per l’arte in maniera totale e anticonformista. È stata la prima a dipingersi il volto di segni blu e rossi e girare per le strade di Mosca. Ha sfilato nella zona più elegante della città con il volto e il corpo dipinti di immagini e frasi destinate a scandalizzare i benpensanti. Una performer ante litteram.

4. A Palazzo Strozzi anche i costumi firmati da Natalia Goncharova

È stata pittrice, costumista, illustratrice, grafica, scenografa, decoratrice, stilista, ma anche attrice cinematografica, ballerina e performing artist. I costumi teatrali da disegnati e realizzati da Natalia Goncharova in mostra a Firenze, nelle stanze di Palazzo Strozzi, sono imperdibili.

5. I nudi dissacranti

La Goncharova è dissacrante e innovatrice: è stata la prima donna a dipingere nudi femminili con modelle e per questo finì a processo per oscenità. Una sezione dedicata alle opere religiose accoglie, tra l’altro, il monumentale polittico degli Evangelisti (1911) che nel 1914 a San Pietroburgo sconvolse il pubblico e fu ritirato dalle autorità.

Palazzo Strozzi, le prossime mostre da Goncharova a Koons

Nel nostro approfondimento tutte le informazioni sulla mostra fiorentina dedicata a Natalia Goncharova.

Ultime notizie

Come fare il tampone in Toscana e come si prenota online

Prenotazioni e referti anche via web, in arrivo i test rapidi per i ragazzi delle scuole: le novità in Toscana

Parcheggio gratis nelle strisce blu di Firenze: come richiedere il bollino

Un abbonamento (sperimentale) con cui i residenti possono parcheggiare l'auto gratis anche nelle zone fuori dal proprio quartiere: come funziona e come richiedere il nuovo bollino per la sosta

Protocolli di sicurezza nelle palestre: le regole anti-Covid del dpcm (pdf)

Dopo il dpcm del 18 ottobre in arrivo nuovi protocolli di sicurezza anti-Covid per palestre e piscine: ecco intanto le norme già in vigore

Nuovo Dpcm 18 ottobre, il testo integrale in Gazzetta ufficiale (pdf)

Presentato il nuovo decreto, il Dpcm 18 ottobre, ecco il testo integrale (pdf) del decreto e degli allegati pubblicati in Gazzetta ufficiale