sabato, 5 Dicembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Pasqua, un giglio di auguri

Pasqua, un giglio di auguri

un grande giglio a palazzo vecchio per augurare la pasqua a fiorentini e turisti

-

La composizione è stata curata dal servizio addobbi della Direzione ambiente. L’insieme è composto da fiori e piante in vaso e si richiama alla tradizione del ‘giardino all’italiana’ e alle memorabili infiorate che in diverse occasioni venivano realizzate a Firenze fino agli anni sessanta.

Al centro campeggia un grande giglio rosso di Firenze, composto da più di ottocento piantine fiorite di calancole. La quinta è realizzata con un centinaio di piante di varie dimensioni, tra cui spiccano le azalee fiorite rosa e bianche, gli allori e i viburni. Il tutto è stato realizzato direttamente dai giardinieri della Direzione ambiente, dipendenti del Comune di Firenze, che mantengono alta una tradizione tipicamente fiorentina ed hanno per ciò ottenuto diversi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale.

Un modo di salutare la primavera e la Pasqua, richiamandosi con i fiori al nome e al simbolo del capoluogo toscano, e per fare gli auguri ai fiorentini e ai turisti che hanno scelto la”città del giglio” come meta delle loro vacanze.

 

Ultime notizie

La Toscana cambia colore: cosa si può fare in zona arancione, le regole

La Regione Toscana muta colore, ma cosa cambia qual è la differenza tra zona arancione e zona rossa? Ecco tutte le novità e le regole da rispettare

Quante persone posso invitare in casa per il pranzo di Natale

Vietate le feste private, poche deroghe per gli spostamenti, forte raccomandazione su quante persone mettere a tavola: cosa dice il Dpcm di dicembre riguardo agli incontri in casa

Quanti contagiati oggi in Italia: tornano a salire i nuovi casi

I dati del 4 dicembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid in Toscana, oggi contagi in aumento: i dati del 4 dicembre

I numeri sull'andamento dei contagiati in Toscana: continua il saliscendi dei nuovi casi. I dati del bollettino del 4 dicembre 2020