lunedì, 25 Maggio 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Quadri "per non dimenticare"

Quadri “per non dimenticare”

Sarà inaugurata venerdì 11 aprile alle 17, a Palazzo Cerretani (piazza dell’Unità d’Italia 1) la mostra di pittura “Per non dimenticare”, le memorie di guerra di Gino Terreni

-

L’esposizione dell’artista empolese Gino Terreni sarà visitabile da venerdì 11 aprile a Palazzo Cerretani. Scultore, pittore e autore di belle xilografie, Terreni ha vissuto gli orrori della guerra come combattente della brigata partigiana “Arno” e poi, sulla Linea Gotica, nel corpo dei “Volontari della Libertà”. Dall’esperienza bellica Terreni ha tratto la sua arte, “una testimonianza civile di altissimo significato, esempio e modello per le giovani generazioni” (Antonio Paolucci).

Nell’anno che celebra i sessant’anni della Costituzione, le sue opere sono una testimonianza “Per non dimenticare”, l’ombra nera che scese sulla vita di chi per questa Costituzione dette tutto se stesso.

All’apertura della mostra interverranno il direttore dei Musei Vaticani Antonio Paolucci e la storica dell’arte Maria Giovanna Carli. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 27 aprile, dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 17.

Notizia precedenteNote sudamericane a palazzo
Notizia successivaBuon compleanno, Leonardo!

Ultime notizie

Coronavirus, la mappa del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione

Coronavirus: 15 nuovi casi, 79 i guariti. Il bollettino del 24 maggio

Quindici nuovi casi, due decessi: le ultime notizie di oggi, 24 maggio, sul contagio da coronavirus in Toscana

Bonus bici, ecco come richiederlo (anche con l’app)

Procedura tutta online, anche a rimborso. Il bonus bici per l'acquisto di biciclette, monopattini e altri mezzi green: come richiederlo

Coronavirus, 12 nuovi casi in Toscana. Solo due i decessi

Dodici nuovi casi e due soli decessi: le notizie di oggi, 23 maggio, sul contagio da coronavirus in Toscana