L’esposizione dell’artista empolese Gino Terreni sarà visitabile da venerdì 11 aprile a Palazzo Cerretani. Scultore, pittore e autore di belle xilografie, Terreni ha vissuto gli orrori della guerra come combattente della brigata partigiana “Arno” e poi, sulla Linea Gotica, nel corpo dei “Volontari della Libertà”. Dall’esperienza bellica Terreni ha tratto la sua arte, “una testimonianza civile di altissimo significato, esempio e modello per le giovani generazioni” (Antonio Paolucci).

Nell’anno che celebra i sessant’anni della Costituzione, le sue opere sono una testimonianza “Per non dimenticare”, l’ombra nera che scese sulla vita di chi per questa Costituzione dette tutto se stesso.

All’apertura della mostra interverranno il direttore dei Musei Vaticani Antonio Paolucci e la storica dell’arte Maria Giovanna Carli. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 27 aprile, dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 17.