venerdì, 26 Febbraio 2021
Home Sezioni Arte & Cultura Santo Spirito, restauro del campanile

Santo Spirito, restauro del campanile

Al via il restauro del campanile della Basilica di Santo Spirito, realizzato fra la fine del 1400 e la seconda metà del 1500. I lavori, che sono già iniziati, termineranno nell'aprile 2010. Costo quasi 500mila euro.

-

Via al restauro del campanile. I lavori prevedono il restauro di tutta la torre (l’altezza è di quasi 65 metri), il rifacimento l’impianto elettrico delle campane e la sistemazione dei dissuasori per evitare l’avvicinamento e la sosta di piccioni. Il tutto per un importo complessivo di 480mila euro già stanziati dalla giunta.

“L’obiettivo – ha spiegato l’assessore alla cultura Eugenio Giani – è quello di rendere accessibile questo campanile ai visitatori, valorizzando nel suo insieme la Basilica di Santa Spirito, che rappresenta l’emblema dell’Oltrarno. Per questo l’Amministrazione comunale si deve impegnare a rendere fruibile e frequentata questa parte di città. L’impegno di spesa è considerevole, ma il Comune deve sempre di più cercare di investire nella cultura, arrivando almeno al 5% del proprio bilancio”.

Il progetto prevede il restauro delle superfici delle facciate e il ripristino delle superfici lavorate e decorate con opportuni lavaggi. Le varie facciate verranno infatti spolverate e revisionate. Successivamente verrà eseguito il preconsolidamento e la pulizia delle colonne e di tutti gli elementi architettonici decorativi in pietra serena e in pietra forte. Tutte le parti distaccate o a rischio verranno fissate con malte adesive o resine epossidiche. Se necessario verranno utilizzati anche perni, stucchi. L’intervento riguarderà anche la revisione e il restauro degli infissi metallici a grata e delle porte in metallo e legno che verranno smontate, ripulite, sverniciate, riverniciate e ricollocate.

Verranno anche installati dei dissuasori metallici per evitare l’avvicinamento di piccioni e altri uccelli. Non solo. Verranno anche sistemate reti di nylon bianche e nere appositamente trattate per resistere ai raggi ultravioletti e che dovranno impedire la sosta e le nidificazione dei volatili. La torre può essere suddivisa in cinque parti principali compreso il basamento alto quasi 23 metri costituito da quattro pilastri in muratura di pietra forte fiorentina e conci squadrati. L’attuale campanile sorge sulle fondamenta della vecchia torre campanaria medievale abbattuta nel 1489. L’inizio della costruzione del primo tratto in elevazione del campanile è del 1504. Nel 1530 il campanile era già arrivato al primo piano e fu ultimato all’incirca dopo il 1550.

 

Ultime notizie

Quando riapriranno le palestre nel 2021: il nuovo Dpcm e la riapertura

Il protocollo di sicurezza da seguire quando riapriranno le palestre è pronto, ma anche con il nuovo Dpcm di marzo non ci sarà la riapertura in zona gialla e arancione. A rischio l'ipotesi sulle lezioni individuali

Il colore della Toscana la prossima settimana: zona arancione o rossa?

Osservate speciali Pistoia e Siena. Il colore della Toscana prossima settimana sembra probabile che resti lo stesso, ma per metà marzo si riaffaccia il rischio di passare da zona arancione a rossa

Dati, Covid in Toscana: oggi più di 1.300 contagi. Bollettino del 25 febbraio

La soglia psicologica degli oltre 1.000 contagi giornalieri non veniva superata ormai da due mesi e mezzo. Sopra quota 1.000 anche in ricoveri. Ecco i dati del bollettino Covid della Regione Toscana aggiornato a oggi (25 febbraio)

In quanti in macchina: zona gialla, arancione e rossa, quante persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona gialla, arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid del governo Draghi